Elezioni regionali, Fratelli d'Italia incalza la Lega per il via libera a Fitto

I coordinatori pugliesi del partito di Giorgia Meloni rilanciano il tema della candidatura, ma dopo la sconfitta in Emilia Romagna il Carroccio deve ricollocare le proprie ambizioni

Meloni e Salvini (foto Ansa).

LECCE - Fratelli d'Italia vuole senza più indugi il via libera alla candidatura di Raffaele Fitto per le elezioni regionali di primavera. I risultati del partito guidato da Giorgia Meloni, tanto in Emilia quanto in Calabria, valgono come un'iniezione di fiducia a fronte delle ultime trattative in vista prima di riempire tutte le caselle della prossima tornata che interesserà Toscana, Puglia, Campania, Veneto, Marche, Liguria. 

Bisogna fare i conti, tuttavia, con le resistenze già note della Lega rispetto a un profilo che ritengono non abbastanza forte quanto servirebbe per vincere in una regione che dal 2005 premia il centrosinistra. Il partito di Salvini, mancato l'obiettivo di espugnare l'Emilia Romagna, potrebbe però addirittura arroccarsi nel rivendicare la casella pugliese perché piazzare almeno una bandierina nel Mezzogiorno è fondamentale per certificare la leadership a livello nazionale.

D'altra parte, il dinamismo di Fratelli d'Italia, che si sta consolidando come il vero polo conservatore del centrodestra italiano, disturba i leghisti che, col vento in poppa dopo le elezioni europee, non intendono assistere a una progressiva erosione del ruolo che si sono guadagnati a suon di affermazioni elettorali. In questo senso la gestione del potere politico a livello territoriale è vista come l'unico strumento per un effettivo radicamento: un conto sono i temi come l'immigrazione e l'antieuropeismo, che si spendono facilmente quando si vota per le politiche e per le europee, un altro quelli che afferiscono alla vita quotidiana dei cittadini: sanità, trasporti e lavoro.

Il tempo stringe, questa è l'unica certezza e così i coordinatori regionali di Fdi hanno rilanciato in mattinata la questione: "Fratelli d'Italia - hanno scritto Saverio Congedo e Francesco Ventola in una nota - conferma il trend di crescita costante ed omogeneo su tutto il territorio nazionale. L'avanzata in Emilia Romagna e in Calabria, con candidati presidenti espressione di altri partiti della coalizione, ci dice che il progetto di Giorgia Meloni è credibile e vincente; rispetto alle Europee in Emilia Fratelli d’Italia praticamente raddoppia i consensi passando dal 4,66 percento al 8,61 percento e in Calabria riesce a migliorare un risultato già importante attestandosi oltre l’11 percento. Segnali importanti anche con riferimento alle prossime regionali in Puglia, regione con caratteristiche simili a quelle della Calabria dove la coalizione di centrodestra unita vince: non solo confermano lo stato di salute del partito e della sua leader, ma consegnano a Fratelli d’Italia un ruolo da protagonista".

Intanto, nella serata di oggi il vice segretario della Lega, Andrea Crippa, è atteso a Lecce per un appuntamento politico. Possibile, dunque, che in questa circostanza si palesi con più evidenza l'orientamento maturato da Salvini e dallo stato maggiore del Carroccio rispetto alla scelta tra il sostegno pieno a Fitto e il tentativo di una prova di forza con il principale alleato dello schieramento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento