Fogli di via dopo la contestazione No Tap a D'Alema, ma lui chiede la sospensione

Notificati alcuni provvedimenti ad attivisti che a metà ottobre presidiarono un circolo Arci dove era stato invitato l'esponente politico

LECCE – Lo hanno contestato in maniera plateale per le sue posizioni sul gasdotto Tap – che tempo addietro definì “un semplice tubo” –, ritenendolo ingranaggio di quei poteri forti che nel tempo hanno imposto la realizzazione della contestata infrastruttura, ma dopo la notifica di alcuni fogli di via ad attivisti No Tap lo stesso Massimo D’Alema ha chiesto al questore di Lecce di sospendere i provvedimenti, con decorrenza immediata.

L’esponente di punta di Liberi e Uguali, possibile candidato in Puglia alle prossime elezioni politiche (lo ha sempre fatto in un collegio salentino), interviene sulla vicenda che lo vide coprotagonista il 16 ottobre scorso quando rispose all’invito di Arci Lecce a partecipare ad un incontro per la celebrazione del centenario della Rivoluzione Russa. In quell’occasione un gruppo di manifestanti No Tap, dopo che gli fu impedito di entrare in sala per leggere un documento, sostarono per tutto il tempo all’esterno del circolo intonando slogan: alla fine dell’appuntamento D’Alema fu costretto a uscire da una porta secondaria.

Su quell’episodio, come annunciato quella sera stessa dalla questura di Lecce, sono stati fatti degli approfondimenti che hanno portato all’emissione di alcuni fogli di via per manifestazione non autorizzata: in pratica i destinatari, residenti in altri comuni, non posso accedere al territorio del capoluogo per i prossimi tre anni. Per D’Alema, per Ernesto Abaterusso, capogruppo in Regione, e per Salvatore Piconese, coordinatore provinciale, si tratta di una “misura repressiva che deve essere valutata meglio”.

“Non ci sembra – spiegano i tre in una nota - che in quella occasione siano stati commessi dei reati. Proteste, forse esagerate, ma nulla di più. Atti di questo tipo devono essere certamente stigmatizzati, ma il nostro compito è e deve essere quello di riportare tutto sul piano del dialogo e del confronto”. La richiesta degli esponenti politici è quella di sospendere i provvedimenti, in particolare per coloro che “hanno la necessità di recarsi nel capoluogo per motivi di lavoro o per motivi personali, riguardanti l'assistenza e la cura dei propri familiari”.

Da aggiungere altri fogli di via – questa volta dal territorio di Melendugno - sono stati notificati per episodi precedenti, come i blocchi stradali durante la movimentazione degli ulivi espiantati nel cantiere di San Basilio. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Un circolo ARCI con D’Alema all’interno che celebra l’anniversario della rivoluzione russa? E i no-tap che urlano fuori? ...potrebbe essere una rappresentazione realistica della parte più terrificante dell’inferno... ah ah ah!

  • Ipocrita lui e i suoi leccapiedi. Sono pronti a vendere il c..o per una manciata di voti. Chissà che ne penserà Roberto De Santis di questa nuova posizione?

  • Ma quale dialogo e confronto vorrebbero avere Abaterusso e company? Questi sono anarchici che non rispettano neppure le sentenze, altro che confronto! Bisogna reprimere la spavalderia di questi personaggetti, se vogliamo ritenerci un Paese serio.

    • un paese serio non reprime

      • Intendiamoci: parlavo dei soggetti che hanno usufruito di tutte le garanzie che uno Stato democratico concede a chi si oppone, come gli esposti, i ricorsi ai vari organi e via dicendo. Una volta espediti tutti i ricorsi e gli altri strumenti di tutela, un Paese serio non può avallare azioni eversive o comunque illegali, ma deve reprimerle e scoraggiarle e non legittimarle con ulteriori inviti al confronto. Il confronto è già avvenuto e questi non intendono rispettare l'esito a loro sfavorevole. Possono manifestare legalmente, se vogliono continuare a protestare, senza ledere la libertà di chicchessia. Altrimenti, perché non aprire un confronto anche con la mafia!? E perché non fu aperto un confronto con il terrorismo rosso e nero degli anni passati!?

  • Non ho capito: il foglio di via riguarda D'Alema o i no tap?

    • D’Alema. Però egli stesso ha optato per un’elegante atto di clemenza e si è auto consentito di continuare a circolare per Lecce e provincia. E, ahimè, lo farà. Ah se lo farà...

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Rapina un'auto, poi due anziani in casa ma esce fuori strada e si schianta

  • Cronaca

    Tentano il maxi colpo nello showroom: scoperti, devono fuggire

  • Cronaca

    Orrore a Trepuzzi: taglio alla gola, il marito la uccide poi tenta la fuga

  • Politica

    Eradicazione e ripopolamento degli ulivi: piano bipartisan da 100 milioni

I più letti della settimana

  • Terribile impatto all'ingresso del Rauccio, due morti e quattro feriti

  • Orrore a Trepuzzi: taglio alla gola, il marito la uccide poi tenta la fuga

  • Timbravano il badge e poi uscivano a fare spese o a giocare alle slot

  • Investito mentre attraversa, avvocato in Rianimazione con fratture

  • Camion in retromarcia travolge anziano turista: morto sul colpo

  • Esplosione mentre pulisce, grave una donna ustionata a gambe e volto

Torna su
LeccePrima è in caricamento