Fondazione Notte della Taranta, il nuovo presidente è Massimo Manera

A Melpignano l'assemblea dei soci (Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione di Comuni della Grecìa Salentina, Istituto "Diego Carpitella") ha eletto stamane all'unanimità l'amministratore di lungo corso già sindaco e presidente dell'Unione di comuni

MELPIGNANO – Era da maggio scorso che la Fondazione Notte della Taranta non aveva il suo presidente, da quando Massimo Bray, fino all’ora titolare dell’incarico, è entrato a fare parte del governo Letta come ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo. La poltrona vacante è stata occupata questa mattina da Massimo Manera, tra i fondatori nel 1998 del festival di musica popolare.

A Melpignano, infatti, l’assemblea dei soci (Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione di Comuni della Grecìa Salentina, Istituto “Diego Carpitella”) ha eletto oggi all’unanimità il nuovo presidente. Amministratore di lungo corso, già sindaco e presidente dell’Unione di comuni della grecìa salentina, Manera ha contribuito alla crescita dell’evento che ha esportato il ritmo della pizzica dal Salento nel mondo. 

“Ringrazio il Ministro Bray per il lavoro svolto in questi tre anni. La Fondazione con la Sua Presidenza ha raggiunto livelli di eccellenza sia in termini gestionali che di avanzamento dei processi culturali nati dalla riscoperta della tradizione musicale salentina”, tiene a dire il neo presidente della Fondazione e coglie l’occasione per ringraziare “tutti i soci per la fiducia accordatami e il vicepresidente Raffaele Gorgoni che in questi mesi ha guidato egregiamente la Fondazione”. 

Ricerca, ascolto, innovazione, e paesaggio.
“La Fondazione è pronta a un ulteriore salto di qualità - spiega Manera -, mentre i nostri bravi musicisti portano il ritmo della pizzica in luoghi lontanissimi del mondo, a noi spetta il compito di ripartire con una nuova sfida. Subito dopo il Concertone di Melpignano, avvieremo una fase di ascolto degli artisti, dei gruppi di riproposta della musica popolare salentina, delle associazioni che si occupano di difendere e diffondere la pizzica e la cultura popolare, degli operatori culturali. Insieme occorrerà trovare nuovi percorsi che possano ampliare l’offerta anche nella stagione invernale. La ricerca passa dall’innovazione”.

“La Fondazione in collaborazione con l’Università del Salento - conclude Manera - dovrà poi stimolare un nuovo dialogo sul tema del paesaggio costruendo percorsi di conoscenza e consapevolezza che restituiscano l’antica bellezza. Anche per questo il Festival 2013 partirà da Taranto, città simbolo che oggi si interroga sulla sua vera identità”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Si la taranta va bene ma prima e dopo ma si ...... Ma poi........

  • Andate a raccogliere patate .ma quale taranta..

  • ....e mi sembrava strano ma strano strano il pd verso il rinnovamento manera il nuovo che avanza ( blasi e d'alema) baffino da sparviero

  • c'è la casta e c'è la kasta ! la magna grìcia

  • La NdT sembra essere ormai l'unica cosa che occupa le giornate estive degli amministratori locali. Quando si inizierà a pensare di più alla cittadinanza melpignanese e meno al concertone?

  • E via un'altro..è proprio vero il Comunismo è compartecipazione....

  • ........ eh mè si questo erà rimasto "trombato", ora l'hanno sistemato, sempre le stesse facce che si riciclano e mangiano perchè la "casta " è questo........

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Erette barricate sulle strade che portano al cantiere Tap. Lavori fermi

  • Cronaca

    Dalla Chiesa agli studenti, il movimento trasversale attorno al caso del gasdotto

  • Cronaca

    Un urto micidiale: barca a vela entra in porto e dopo cola a picco

  • Cronaca

    In banca senza armi, rapinatori fuggono con 8mila euro

I più letti della settimana

  • "Da San Foca notizie drammatiche, la battaglia va avanti in tutte le sedi"

  • Nel cantiere di Tap ripreso l'espianto degli ulivi. Area blindata dagli agenti

  • Quattro mesi di ritardo per il lavori in galleria: erano previsti solo per due

  • Gasdotto Tap, da Consiglio di Stato e ministero semaforo verde

  • Una domenica No Tap: artisti, cittadini e politici contro il gasdotto

  • Veleni e denunce, lo scontro Piccinno-Gallipoli Futura finisce in tribunale

Torna su
LeccePrima è in caricamento