Forza Italia, mancano soldi per i dipendenti. Vitali polemizza: "Parlamentari non versano"

A livello nazionale non ci sono fondi per mantenere le sedi del partito. La responsabilità sarebbe dei deputati e senatori chiamati a versare una quota della loro indennità. Un problema, sottolinea il commissario regionale, evidente anche in Puglia

Una foto d'archivio.

LECCE – In Forza Italia volano gli stracci. Il commissario regionale, Luigi Vitali, prende atto che il partito non è più in grado, a livello nazionale, di garantire gli stipendi ai suoi dipendenti e rimarca la morosità biennale di quasi tutti i parlamentari pugliesi: la provincia di Lecce esprime Rocco Palese e Roberto Marti alla Camera dei deputati e Francesco Bruni in Senato.

Il comunicato stampa diffuso questa mattina da Vitali rende bene l’idea di quanto sia totale oramai lo scontro in atto tra la linea ufficiale, quella stessa che lo ha imposto da Roma come commissario, e la pattuglia di esponenti vicini a Raffaele Fitto, che sabato a Roma ha dimostrato di voler portare allo scoperto la battaglia politica in corso da mesi: “Dopo aver chiuso la sede regionale del partito e quella di Foggia, e il mio giro non è ancora concluso - ha precisato Vitali -, si aggiunge questa grande responsabilità morale nei confronti di chi, i nostri dipendenti, lavorando per anni in silenzio, hanno contribuito a sostenere il partito”.

Vitali ha anche polemizzato con i parlamentari e i dirigenti per aver contribuito invece all’allestimento dei viaggi di militanti e simpatizzanti alla volta di Roma per la kermesse di sabato: “Però si va in giro per l'Italia, con pullman messi a disposizione non si sa da chi e da chi pagati, portando in giro un'immagine  dell'organizzazione territoriale e democratica del partito in Puglia che io, francamente, non ho riscontrato. Anzi”.

Replica di Marti e Distaso.

Immediata la reazione di Roberto Marti, ex tesoriere regionale del collega deputato Antonio Distaso, già coordinatore vicario: "I primi giorni del neo Commissario di Forza Italia in Puglia Luigi Vitali, segnano un incredibile rassegna di gaffes maggiormente degne dell'indimenticato Peter Sellers nel ruolo di Ispettore Clouseau - replicano in comunicato i due esponenti parlamentari forzisti - . Più un ispettore, quindi, che un commissario politico. Ora, francamente, si comincia ad esagerare.Ci rendiamo conto che laddove manca la politica, spesso ci si aiuta come si può.Ma i fatti non possono essere oggetto di valutazioni.

Dopo aver precisato che dal 2008 in poi, dagli eletti nelle fila del Pdl, è stata sempre versata la quota, Marti e Sistaso spiegano: "Nel 2013, anno di nuove elezioni politiche, e' stato chiesto e corrisposto un sostanzioso versamento, una tantum, prima della ricandidatura. In quegli stessi anni, per lunghi anni, il PdL prima, Forza Italia poi, ha ricevuto una cospicua dote di rimborsi elettorali, in virtù della legge vigente. Nessuno di noi, conosce esattamente circostanze e modi di utilizzo di tali somme".

Quindi una precisazione sul funzionamento delle sedi territoriali: "In quegli stessi anni, ed ancora per tutto il 2014, i parlamentari ed i consiglieri regionali hanno autonomamente provveduto al mantenimento dei costi delle sedi e del personale delle sedi provinciali. Il contratto concernente la sede regionale, da sempre, almeno questo, a carico del Coordinamento nazionale, e' stato unilateralmente rescisso a fine del 2013. Nel contempo, il Coordinamento nazionale ha licenziato la nostra dipendente storica della sede regionale in Puglia".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Berlusconi dovrebbe commissariare il suo commissario. Ci tengo a ricordare ai più che il Vitali è già sotto inchiesta a Napoli per falso in atto pubblico ed a Brindisi per abuso d'ufficio, quindi cosa vuole commissariare se, tra i tanti, è proprio lui ad aver bisogno di un tutor ?

    • e notizia di oggi che berlusconi vuole comprare le antenne rai ...figuriamoci se la rai fa affari con l'ex cavaliere....e comunque la sinistra non darà mai l'okkei.

    • Beh, se Vitali è indagato da varie procure, allora ha tutte le credenziali necessarie per ricoprire ruoli di primo piano in Forza Italia :)

  • Tutti a casa cialtroni e millantatori.... LIBERATE LA NOSTRA ITALIA...

  • Vitali voleva dormire nella sede regionale ma non c'è più :) Che sfigati,della casa delle libertà prima si sono giocati la libertà e ora la casa. Vi confesso,anche io per andare a un concerto ho approfittato del pullman della libertà,era gratis,e lo pagavamo comunque noi con lo stipendio a sti mangia pane a tradimento.

  • Fate come i "grillini": lasciate il 50% delle vostre entrate "politiche", al partito o movimento che ha contribuito alla vostra candidatura ed elezione. Ma per voi queste sono idiozie e da questo orecchio, NON SENTITE.

  • Chissà perchè pagano ( e tanto ) per candidarsi.......non esiste peggior razza del politico italiano.

  • ahhahahhahh come cambiano le cose quando devono cacciare di tasca propria...rovina dell'italia....a lavorareeeeeee....ci avete tolto tutto

  • Una volta pagava BERLUSCONI , oggi bisogna andare in RETE un pò come fa Grillo , sedi di partito di questi tempi sono impensabili , quando è il momento delle elezioni si monta il gazebo o si prende in affitto un locale , certe vecchie abitudini sono dure a morire in questa nostra Puglia , dove sovente si passa da situazioni altamente innovative a momenti altamente obsoleti, la terra delle contraddizioni .

Notizie di oggi

  • settimana

    Freddato con un colpo alla gola: muore un 28enne, omicida si costituisce

  • Cronaca

    Divampa un misterioso incendio: tre i veicoli devastati dal fuoco

  • Attualità

    Festa del 25 aprile: le parole di Bobbio per superare divisioni e ritrovare memoria

  • Politica

    Ripresa dei lavori per messa in sicurezza delle falesie. “Regione faccia chiarezza sui tempi”

I più letti della settimana

  • Frontale sulla strada del mare: ragazza deceduta, due codici rossi

  • Freddato con un colpo alla gola: muore un 28enne, omicida si costituisce

  • Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Spostato dalla barella, cade cocaina: il ferito indagato per spaccio

  • Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

  • Irruzione in casa, pestato e colpito da sparo alla gamba: un arresto

Torna su
LeccePrima è in caricamento