Dopo la stop di Cave Marra, i rifiuti presto in un altro impianto di trasferenza

E' quanto recepito dal sindaco di Galatone, Flavio Filoni, nel corso di un incontro a Bari con Stea e Grandaliano dell'Ager

GALATONE – E’ stato il sindaco di Galatone, Flavio Filoni, nelle scorse ore, a darne annuncio, dopo un incontro a Bari fra una delegazione della Giunta, l'assessore regionale Gianni Stea e il Presidente dell’Ager, Gianfrnco Grandaliano: “Nessuna deroga quantitativa sarà concessa al centro di trasferenza di Galatone, quindi per pochissimi giorni per l'Aro 6 sarà disposto il conferimento presso l'impianto di Poggiardo”. Questa la rassicurazione ricevuta sul problema rifiuti organici. Nei giorni scorsi la ditta che gestisce l’impianto Cave Marra ha comunicato la chiusura a causa del superamento dei limiti.

Il problema è a monte, a causa della mancata programmazione sulla gestione dei rifiuti da parte degli enti preposti. E quindi, per ora si va avanti con soluzioni tampone. Per alcuni giorni, almeno, i rifiuti saranno quindi conferiti a Poggiardo, poi, stando a quanto recepito dal sindaco, nel corso dell’incontro nel capoluogo, l'Aro 6 trasferirà la Forsu in un altro impianto che, a quanto pare, sarebbe già stato individuato.

“L'impegno della Regione Puglia, con l'assessore Stea e del presidente Ager Grandaliano hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato a tutela della nostra comunità”, dichiara Filoni. “Attendiamo quindi che gli impegni presi vengano tramutati immediatamente in disposizioni che ci consentiranno di risolvere una questione di grande interesse per la nostra città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento