Il "caso" patto di stabilità ora arriva a Montecitorio

Dopo le denunce di Baldassarre, Ugo Lisi e Luigi Lazzari pongono un'interrogazione parlamentare sul presunto spostamento di 23 milioni di euro da Regione a Provincia. "Il ministero apra un'indagine"

"Chiediamo che il ministro dell'Economia e delle finanze svolga approfondite indagini per accertare se l'amministrazione provinciale di Lecce ha effettivamente rispettato il Patto di stabilità per l'anno 2007". Ugo Lisi e Luigi Lazzari hanno presentato questa mattina un'interrogazione a Montecitorio. L'interpellanza giunge a seguito a della conferenza stampa indetta dal capogruppo del Pdl al Palazzo dei Celestini, Raffaele Baldassarre, convocata il 29 luglio.

Durante l'incontro con la stampa, la minoranza aveva evidenziato il fatto che la Provincia non avrebbe potuto aderire al Patto, denunciando come "un finanziamento di circa 23 milioni di euro, passato dalla Regione alla Provincia di Lecce" fosse stato "inserito correttamente nel bilancio 2007 tra i fondi regionali e poi, contrariamente a quanto stabilito dalla legge, quel denaro spostato da un'altra parte, facendolo passare per fondi erariali". Baldassarre aveva definito questa "una manovra subdola", finalizzata ad "ottenere il risultato per il Patto di stabilità violando quanto stabilito dalla Finanziaria 2007 e soprattutto senza che la Regione, avendone la facoltà, per quell'anno intervenisse per modificare la situazione" (http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=9640).

Ora del fatto Lisi e Lazzari interessano il Parlamento. "Occorre far luce su di una strana situazione che si è venuta a creare nel bilancio della Provincia - spiegano -; da una parte vi è l'Esecutivo di Palazzo dei Celestini che sostiene di aver rispettato pienamente il Patto di stabilità, dall'altra però, come un macigno, il parere del Collegio dei revisori è di tutt'altro avviso". E sarebbe proprio quel presunto spostamento di fondi da Regione a Provincia ad aver permesso di ottenere il Patto di Stabilità per l'anno 2007, secondo il centrodestra. "Se ciò risultasse vero - sottolineano Lisi e Lazzari - sarebbe mancato anche il doveroso intervento della Regione, al fine di sanare la situazione. Attendiamo l'esito dell'indagine ministeriale - concludono- che siamo fiduciosi sarà sollecita e approfondita".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento