Ipotesi di accorpamento delle Sanitaservice: Usb mette le mani avanti

Il sindacato ha chiesto un incontro con i vertici della sanità regionale e rifiuta ogni progetto di smantellamento o di centralizzazione delle società in house

L'immagine di una protesta

LECCE – “Non permetteremo di rubare il futuro a migliaia di lavoratori”. Parola di Usb che sulle sanitaservice ed i rumors che parlano di una loro rimodulazione, è tornata a mettere le mani avanti. L’Unione sindacale di base, che ha sempre rivendicato i vantaggi (anche in termini di risparmio economico) della procedura in housing e dell’internazionalizzazione dei servizi per le Asl, si sente nuovamente minacciata.

“Si è diffusa la voce che la Regione Puglia che voglia smantellare le società in house pugliesi, oppure accorpare un servizio che si estende lungo 400 chilometri e coinvolge 5 mila dipendenti – spiega Gianni Palazzo –.  I lavoratori sono in fermento dopo le notizie emerse sulla stampa e noi del sindacato, che siamo rimasti in un silenzio vigile per un po’ di tempo, abbiamo deciso di intervenire per fare chiarezza”.

A questo proposito Palazzo chiarisce che proprio ieri è stato richiesto un incontro con il direttore del dipartimento regionale delle politiche della Salute, Giancarlo Ruscitti, il quale aveva annunciato che, a breve, verranno prese decisioni importanti ed il governatore Michele Emiliano. “Noi sappiamo che la Regione Puglia ha commissionato un studio di fattibilità sull’ipotesi di accorpamento in un’unica struttura, spendendo anche 80 mila euro,  ma vogliamo ribadire il nostro no secco a questa ipotesi, come alle altre – puntualizza il sindacalista-. Qui c’è il rischio di ripartire da zero e di annullare tutto il faticoso percorso compiuto negli ultimi anni, mentre le Sanitaservice pugliesi sono già autorizzate dal punto di vista giuridico ed amministrativo mediante numerose sentenze”.

“Riguardo alla vicenda del pagamento dell’Iva da parte della Sanitaservice di Foggia, poi, la notizia non esiste e abbiamo assistito a dichiarazioni e analisi fuori luogo: non si trattava di un’ evasione fiscale, come si vorrebbe far credere, ma di una decisione supportata da pareri legali e di esperti nazionali– aggiunge Palazzo -. Come al solito, le vicende della società in house della regione suscitano grandi discussioni e pregiudizi. Siamo contrari ad interventi dettati da fini politici ed elettorali, o peggio finalizzati a far rientrare dalla finestra qualche ditta che gestiva a suon di miliardi le pulizie nelle aziende ospedaliere. L’Usb, insieme ai lavoratori, non ci sta a questo gioco al massacro che in tanti vogliono per fini non certamente corretti, non accettando che anni di lotte siano passati invano con un ritorno al passato a favore di aziende e cooperative”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Posso scattarti delle foto? Ma è solo una scusa per molestarla. Arrestato

    • Cronaca

      Galleria Condò, Anas preme per terminare i lavori prima di agosto

    • Cronaca

      Rapinatore nel centro scommesse, in fuga con 3mila 500 euro

    • Cronaca

      Fermati con ordigni esplosivi modificati con chiodi, due restano in carcere

    I più letti della settimana

    • Il digiuno dell'oncologo contro il gasdotto: "Chiudete il cantiere"

    • Il sindaco non si arrende: "Noi continueremo a protestare"

    • In rete il bando per diventare assessori con il M5S: solo tre nominati

    • Nardò, dimissioni per il consigliere Risi: "Troppi impegni professionali"

    • Sindaco e country manager Tap dal prefetto: tregua per sistemare i 12 ulivi

    • Nel segno della Costituzione e dei giovani la Festa della Liberazione

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento