La replica del sindaco: “Caso montato, nessun pericolo per l’ambiente”

Paolo Menozzi, primo cittadino di Collepasso, risponde al consigliere Gianfreda, accusandolo di aver montato il caso. E su Montagna e Felline, piena fiducia: “Devono proseguire nel cammino politico-amministrativo intrapreso”

Dal sito istituzionale del Comune Collepasso

COLLEPASSO – Il sindaco di Collepasso, Paolo Menozzi, replica alle polemiche sul diserbante e comunica in una nota che sono state acquisite al protocollo generale del Comune, a firma del Direttore del Servizio Sian-F.F. area sud Maglie, Donato Prontera, le conclusioni delle indagini inerenti l’esposto a firma di un consigliere comunale di minoranza.

Il sindaco riporta il giudizio contenuto al punto h della relazione del referto analitico inviato dal Dap di Bari, ma precisa che non sia dato risalire né alla data del diserbo né agli autori del gesto, che non vi è stato alcun danneggiamento alla salute dei cittadini, che il principio attivo “Oxifluorfen” non viene classificato come “pericoloso per l’ambiente”.

“La vicenda – precisa - è stata montata dal consigliere Pantaleo Gianfreda al solo fine della speculazione politica, di procurare allarmismi e dell’attacco personale  nei confronti di pubblici amministratori che ogni giorno lavorano per il bene della comunità. L’iniziativa di pulire il campo sportivo comunale da parte dell’assessore Montagna e del consigliere Felline merita apprezzamento”.

Montagna e Felline, per il primo cittadino, devono proseguire nel “cammino politico-amministrativo e di perseguimento degli obiettivi programmatici di questa amministrazione nell’interesse dei cittadini”. Rispetto all’abbandono delle deleghe, il sindaco, in data odierna, chiarisce di averle restituite all’assessore Montagna e al consigliere Felline.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

Torna su
LeccePrima è in caricamento