Torre Chianca, l’impegno del consorzio: prossimo l’avvio della pulizia dei canali

Dopo due anni di sollecitazioni e polemiche, l'ente Ugento e Li Foggi, cui spetta la manutenzione delle opere di bonifica, dovrebbe far partire i lavori nella marina leccese. L'assessore Guido si augura che non ci siano ostacoli di sorta

LECCE - “Entro un paio di settimane, se il consorzio terrà fede alla parola data, finalmente si darà il via alla pulizia dei canali di bonifica di Torre Chianca”. E’ quanto ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Andrea Guido, intervenendo nuovamente sulla questione dei canali insistenti sulla marina di Torre Chianca e zone limitrofe.

I canali rischiano, da quasi due anni, il ristagnamento delle acque con gravi conseguenze anche di carattere idrogeologico. Il Consorzio di Bonifica Ugento e Li Foggi, l’istituzione regionale di autogoverno cui spetta il compito della manutenzione delle opere di bonifica, sarebbe dovuto intervenire da tempo per la rimozione dei detriti che ostruiscono le foci dei canali e intasano il Fetida per il quale solo la scorsa settimana si è giunti ad una definitiva aggiudicazione degli interventi.

Nonostante i richiami formali dell’assessore Guido, due gare d’appalto espletate, il coinvolgimento del Prefetto e i vari allarmi lanciati dall’Asl e dai cittadini, ad oggi ancora nulla si è mosso da parte del consorzio. Durante l’ultimo incontro tra l’esponente del governo cittadino e i rappresentanti del consorzio, è stato assicurato l’avvio dei lavori entro il prossimo 16 luglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “I corsi d'acqua di bonificazione – ha spiega l’assessore Guido - richiedono una periodica e accurata manutenzione per asportare i depositi fangosi lasciati dalle acque canalizzate che, ammassandosi, modificherebbero il regime di movimento delle acque stesse, nonché delle erbe spontanee che crescono lungo i corsi e sui letti stessi”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Estorsione ai bar e riciclaggio: oltre all'ex senatore, in manette militare salentino

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Notte di fuoco: distrutte quattro auto e danni a negozi. Immortalato un uomo

  • Arrivi da fuori regione: 20mila entro domenica, uno su tre dalla Lombardia

  • Rischio di focolaio in una Rssa: fatti 90 tamponi a operatori e anziani ospiti

Torna su
LeccePrima è in caricamento