homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Lezioni gratuite al "Terra Rossa": il programma dell'università popolare

Dal 6 aprile al 21 giugno 24 incontri con docenti universitari: si parla di crisi, disuguaglianze, populismo, fondamentalismo, di costituzioni e di riforme, di opinione pubblica e potere

LECCE – Il primo ciclo di lezioni dell’università popolare “Asylum” si articolerà in 24 sessioni, dal 6 aprile al 21 giugno.

Gli incontri saranno tenuti a titolo gratuito da docenti universitari, sociologi in gran parte, nell’ambito delle attività dello spazio sociale “Terra Rossa” allestito nei locali dell’asilo comunale “Angeli di Beslan”, sito in via Casavola (traversa di via Monteroni) e chiuso da circa tre anni per consentire dei lavori di messa in sicurezza che però non sono mai stati realizzati.

Dopo l’occupazione da parte di attivisti della Rete territoriale dei conflitti che ha di fatto inaugurato un nuovo corso per l’immobile, l’ente comunale pare essersi destato dal torpore nel quale si era assopito e non è ancora chiaro quanto possa durare l’esperienza di autogestione. Le iniziative però non mancano: quella dell’università popolare è aperta a tutti ed è naturalmente gratuita. Le lezioni dureranno due ore, con inizio alle 18.

Si parlerà, tra l’altro, di crisi economica e disuguaglianza, di costituzioni e di riforme, di femminismo, sessualità, di fondamentalismo e populismo, di opinione pubblica e potere. I docenti che hanno sposato il progetto sono, oltre a Fabio De Nardis (6 e 7 aprile), Emiliano Bevilacqua (12 e 14 aprile), Guglielmo Forges Davanzati (20 e 21 aprile), Angelo Salento (27 e 28 aprile), Ciniza Nachira (29 aprile), Mariano Longo (4 e 6 maggio) Michele Carducci (9 maggio), Irene Strazzeri (10 maggio), Stefano Cristante (12 e 19 maggio), Gigi Perrone (20 maggio), Gaetano Bucci (23 maggio), Carlo Formenti (6 e 7 giugno), Katia Lotteria (10 giugno), Antonio Ciniero (14 giugno) e Valentina Cremonesini (21 giugno).

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Notte della Taranta, con Carmen Consoli ritorno alla tradizione popolare

    • Otranto

      Tragedia a Otranto: dimentica chiavi e si inerpica al secondo piano. La fune cede, muore 68enne

    • Cronaca

      Un altro giro di giostra, la tragedia di Samuele sembra non aver insegnato nulla

    • Cronaca

      Strage di patenti, 75 quelle sequestrate. Denunce a raffica anche per spaccio

    I più letti della settimana

    • La Festa di Sant’Oronzo senza i tradizionali fuochi: il contributo dei leccesi ai terremotati

    • La Notte della Taranta diventa una grande maratona della solidarietà

    • Buche e mattonelle sconnesse, ferirsi in una città "europea"

    • Dramma degli operai della 275: i sindacati sollecitano le istituzioni

    • Clochard trovato morto in periferia, Rotundo chiede accesso agli atti

    • Nuovo porto turistico di Otranto, a giorni la sottoscrizione del progetto

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento