Mastella a Lecce per la lista Popolari-Udeur

Con la viista del ministro alla Giustizia s'è aperta la campagna elettorale del partito. Buccoliero: "Il nostro sogno è di contribuire attivamente alla crescita di una città come Lecce"

mastella-lecce
I Popolari Udeur hanno aperto ufficialmente la loro campagna elettorale, con la vista del senatore Clemente Mastella, ministro alla Giustizia, accolto dal segretario cittadino dei Popolari Udeur, Antonio Buccoliero, che ha ricordato come sia "la prima volta che il partito dell'Udeur si presenta, nel capoluogo salentino, con una propria lista; ciò è sicuramente, per noi tutti, motivo di gioia e di orgoglio". Sono 101, in totale, in candidati in lizza al Comune e alle circoscrizioni.

"Culliamo un sogno - ha detto ancora Buccoliero - contribuire attivamente alla crescita di una città come Lecce, che ha in sé le caratteristiche per essere non soltanto la "culla del barocco", ma anche la culla della cultura solidale in un cammino di crescita che coinvolga tutti, indistintamente". Nell'occasione è stato illustrato il "Programma per immagini", iniziativa promossa dalla segreteria cittadina per presentare, attraverso dodici immagini e slogan, le ragioni di una scelta che, hanno spiegato dal comitato, non vuole essere meramente politica, ma che implica un percorso di crescita e di condivisione sociale.

"Abbiamo guardato alla sicurezza - ha dichiarato Buccoliero - all'integrazione sociale, contro ogni possibile forma di barriera, allo sport, alle fasce più deboli, come i giovani, gli immigrati e gli anziani, al lavoro e al precariato. Quello che desideriamo fare -ha concluso Buccoliero - è poter arrivare, in maniera chiara e diretta, senza fraintendimenti o inutili fronzoli, al cuore della gente, a chi, come noi, è animato da un sano ottimismo che vuol dire anche impegno, partecipazione e sacrificio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento