"Niente speculazioni filosofiche, l'economia torna al centro": Messuti candidato a Lecce

L'uomo sostenuto da Forza Italia intende "ricomporre le fratture sociali in città" e portare avanti una proposta concreta sui problemi del commercio. A Copertino i forzisti candidano Ferdinando Valentino

Foto di repertorio: un momento della conferenza stampa di Forza Italia a Lecce

LECCE - Le polemiche sono state messe alle spalle ed il centrodestra, finalmente unito, si prepara a vincere le prossime competizioni amministrative. Parola di Mauro D’Attis, il commissario regionale di Forza Italia che oggi ha presentato ufficialmente i due candidati a sindaco del partito per le città di Lecce e per Copertino: rispettivamente Gaetano Messuti e Ferdinando Valentino.

Insieme a loro, hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione il vicecommissario vicario Dario Damiani e il coordinatore provinciale Paride Mazzotta. Schierati in prima fila, a sostegno dei candidati, nella sede leccese del partito vi erano anche Giorgio Costa, Rocco Palese.

“Sono fiducioso che questa competizione risveglierà gli entusiasmi sopiti dei simpatizzanti del centrodestra che, grazie allo strumento delle primarie, stanno conoscendo un nuovo momento di partecipazione. E sono sicuro che, come è stato a Bari, anche nel capoluogo barocco Forza Italia si saprà porre come il partito trainante della coalizione – ha spiegato D’Attis-. Vogliamo riprenderci il nostro posto in Puglia così come in Europa, sul solco tracciato dal nostro candidato di punta, Silvio Berlusconi”.

La proposta politica elaborata per Lecce, ha garantito l’ex assessore della giunta Perrone, è “concreta”, centrata sui bisogni del cittadino e lontana “dalle speculazioni filosofiche del centrosinistra”.

“Non perderemo tempo in chiacchiere, come nelle passeggiate di comunità inventate dal centrosinistra, ma porteremo soluzioni ai problemi della città – ha spiegato Messuti -. Nell’arco di un anno e 8 mesi l’economia del territorio è stata mortificata, come lamentano i commercianti che ci sostengono, e Salvemini ha fallito molti obiettivi come quello della Lupiae Servizi”.

“Noi vogliamo rimettere al centro l’economia locale, facendo rivivere l’industria culturale e costruendo un indotto intorno ai più importanti contenitori culturali. Non come ha fatto Salvemini che, dopo il taglio del nastro delle mura urbiche, si è limitato a contemplarle", ha aggiunto.

Per il candidato alle primarie sostentuo da Forza Italia, è fondamentale ricucire il tessuto sociale: “Salvemini ha tracciato un cerchio che sanciva il primato della cultura su tutto il resto. Ma, al di fuori di quel cerchio, esiste un tessuto sociale che non è stato rappresentato dalla giunta di centrosinistra. Esiste una vera frattura sociale da ricomporre, bisogna riavvicinare i cittadini gli uni agli altri per camminare insieme.

E, a proposito dello scandalo sugli estimi catastali, l’avvocato parla di un problema che arriva da lontano e promette un regolamento comunale con il quale tracciare 3 zone censuarie per dividere il Comune in zone, sulla base della loro redditività: 1 nel centro storico, 1 nell’anello della circonvallazione e 1 che comprende le periferie, così da “garantire una maggiore equità sociale”.

I forzisti a Copertino porteranno invece avanti il nome di Valentino, medico ormai in pensione dopo 40 anni di servizio. Un uomo della società civile, dunque. Un professionista affermato in città che ha dato la propria disponibilità per “ricucire i pezzi del centrodestra a Copertino, città tradizionalmente guidata dalla sinistra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento