Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

Nell’elenco dei tre cognomi dei candidati sindaci, uno ha subito un’alterazione onomastica. Per la prefettura, il candidato è comunque riconoscibile

Il fac simile della scheda elettorale di Novoli.

NOVOLI – Un errore apparentemente banale, ma che già minaccia di inficiare i risultati futuri ad elezioni neppure concluse. A Novoli, sulla scheda elettorale, uno dei tre cognomi degli altrettanti candidati sindaci è stato alterato per un disguido dovuto alla stampa. Come se non già bastasse l'omonimia dei due "De Luca" (Marco e Giovanni) un “De” di troppo ha creato disagi trasformando Roberto Nitto in Roberto De Nitto. In tanti si sono chiesti se fosse legittimo proseguire davanti a quella scheda "viziata".

Dagli uffici della prefettura di Lecce, consultati sin da subito al momento della scoperta dell’errore, è giunto però il “via libera”. Da Via 25 Luglio, infatti, l'indicazione di proseguire regolarmente con la consultazione, poiché l’errore non sarebbe stato ritenuto di rilievo ai fini della riconoscibilità dell’aspirante primo cittadino e della lista abbinata.

La giornata è dunque proseguita senza intoppi, né problemi. Ma l’incidente di percorso, ad elezioni terminate, potrebbe anche prendere la piega di uno, o forse più ricorsi.

Potrebbe interessarti

  • Concertone Notte Taranta: quaranta brani per una notte senza soste

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Col volto travisato, avvicinano un bimbo: la madre li vede e urla, poi la fuga

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento