Polemica sui soccorsi all’assessora ferita nel sinistro: Ordine dei medici convoca incontro

Il presidente dell’Ordine dei medici ha disposto, nella giornata di mercoledì, una riunione con i professionisti presenti. Per Asl: "Procedura corretta di pronto soccorso"

Il pronto soccorso del "Vito Fazzi" di Lecce

LECCE – Sulla polemica relativa ai soccorsi prestati all’assessora comunale Rita Miglietta, giunta in ospedale a seguito di un incidente stradale, è ora di fare chiarezza. Lo ha stabilito Donato De Giorgi, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Lecce. Il professionista ha infatti convocato una riunione per le 19,30 di mercoledì prossimo, primo agosto, per stabilire in maniera definitiva l’accaduto: tramite un confronto, potrà emergere la verità sull'eventuale "corsia preferenziale" aperta all'esponente di Palazzo Carafa per gli accertamenti clinici, grazie alla "interecssione" di Citraro. Questa l'accusa mossa sui media e che ora dovrà essere verificata fino in fondo. Smentire o confermare: questo accadrò in sede di discussione presso gli uffici dell'Ordine dei medici. Per la Asl Lecce, le procedure sarebbero state seguite nel pieno della correttezza.

All’incontro saranno presenti i medici Saverio Citraro, il quale ricopre anche la carica di assessore ai Servizi sociali a Palazzo Carafa, Rosanna Stragapede e Silvano Fracella. I tre si confronteranno per fornire le proprie versioni dei fatti. Diverse testate giornalistiche locali hanno infatti riportato la notizia di un acceso diverbio, che sarebbe scoppiato all’interno del pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” del capoluogo salentino.

L’assessora con delega all’Urbanistica, infatti, si è recata presso il nosocomio a seguito di un violento tamponamento, avvenuto intorno alle 8 del mattino, sulla strada statale 16, all'altezza dello svincolo per Corigliano d'Otranto. Le sue condizioni, fortunatamente, non sono gravi: l’urto con un altro veicolo le ha provocato una frattura al gomito destro ma nessuna, grave conseguenza.

Intanto, sul caso, anche la Asl di Lecce si è pronunciata. "L’operato del pronto soccorso è stato tecnicamente corretto. Asl Lecce, in riferimento a quanto verificatosi ieri nel “Vito Fazzi”, tiene a precisare che tutto si è svolto nel pieno rispetto dei protocolli operativi assistenziali previsti per i casi della medesima gravità di quello di cui è stata vittima l’assessore Rita Miglietta. Tanto per essere più chiari: la presa in carico della paziente si è svolta senza nessuna richiesta di trattamenti di favore né alcun favoritismo, ma unicamente in base alle ordinarie procedure e nei tempi previsti. La direzione della Azienda sanitaria, in ogni caso, si riserva di valutare ulteriori elementi di contorno, che esulano dall’intervento sanitario in senso stretto e affollano le ricostruzioni giornalistiche, e nel contempo esprime dispiacere per quanto accaduto e per la dimensione pubblica che la vicenda, inaspettatamente, ha assunto", dichiarano i portavoce in una nota stampa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento