Palazzetto dello sport ancora lontano. Il Comune a caccia di fondi per tensostruttura

La giunta comunale ha approvato il progetto per la realizzazione di un centro polivalente in via Pasolini e chiederà ora il contributo partecipando al bando “Sport e periferie”

l'assessore Biagio Palumbo

GALLIPOLI -  Il sogno e soprattutto la necessità quanto mai impellente di realizzare un palazzetto dello sport nel territorio gallipolino sembrano ancora lontani, ma il Comune cerca di smuovere le acque quanto meno per realizzare un centro polivalente per garantire servizi e la pratica delle discipline sportive. Nella seduta di ieri pomeriggio la giunta comunale di Palazzo Balsamo, infatti, ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di una tensostruttura polivalente che potrà essere utilizzata per le discipline sportive della pallavolo, del basket, della pallamano e del calcio a 5, con annessa tribuna per gli spettatori e spogliatoi. Tale progetto, messo in piedi dall’ufficio tecnico comunale, diretto dall’architetto Mauro Bolognese, e caldeggiato dagli assessori ai lavori pubblici, Biagio Palumbo e allo sport, Antonella Russo, consentirà all’amministrazione comunale di partecipare al bando (posticipato sino al 16 gennaio) legato alla misura “Sport e Periferie”, messo in auge dalla presidenza del Consiglio dei ministri, Ufficio per lo sport, per ottenere le relative quote di finanziamento garantite dal governo.               

L’importo complessivo per la realizzazione dell’opera strutturale è di 500 mila euro, e il Comune spera di entrare nella graduatoria per acquisire un contribuito nell’ambito del bando pubblico pari a 375mila euro, mentre la restante somma di 125mila euro verrà coperta con fondi del bilancio comunale. Se il progetto del Comune sarà ammesso al finanziamento la tensostruttura potrà sorgere sul terreno tra via Pasolini e via Pirandello, nella zona del quartiere di San Gabriele dell’Addolorata (ex Peep 3), dove si trova un lotto, di proprietà comunale, destinato a livello urbanistico proprio alla realizzazione di impianti sportivi, nelle immediate vicinanze dell’attuale parco giochi. “Ciò consentirà in primo luogo la realizzazione di un’opera che non è stata mai realizzata nella nostra città, a differenza delle città vicine, ed in una zona, il Peep 3, destinata a tale genere di attività sportive e sinora priva di maggiori realizzazioni ed impianti” spiega l’assessore Palumbo, “inoltre consentirà soprattutto alle associazioni sportive gallipoline di usufruire di tale importante struttura, senza dover ricorrere all’uso di palestre delle varie scuole esistenti in città. Ad opera finanziata si deciderà, inoltre, da parte della civica amministrazione, il modo di gestione della tensostruttura”.

L’attenzione dell’esecutivo cittadino, secondo quanto riferito da palazzo di città, si sposta ora sullo stadio comunale “Antonio Bianco”, della zona Lido San Giovanni, che necessita di interventi urgenti e del rifacimento del terreno erboso sintetico, in modo tale da garantire alle locali squadre di calcio di giocare le gare casalinghe presso lo stadio e di non ricorrere ad impianti delle città vicine.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento