Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Video | La marcia contro la mafia: "Il Salento è casa nostra, non di cosa nostra"

 

Ieri mattina, a Parabita, s’è svolta la marcia contro la mafia fortemente voluta per dare un segnale, dopo le minacce ricevute da tre commissari prefettizi e da un ormai ex candidato alla carica di sindaco, il giovane ingegnere Marco Cataldo, che nei giorni scorsi ha motivato il suo addio con l’assenza di serenità.

Ieri, lo stesso Cataldo era presente alla marcia e s’è soffermato a parlare davanti al pubblico. “Nessuno verrà mai lasciato da solo e insieme si può ripartire”, ha detto, fra le altre cose. “Parabita è una città sana, soltanto una piccola parte ha sbagliato e continua a sbagliare. La mia è stata una scelta dolorosa”.

“C’è chi ha compreso e chi no. Attraverso il mio gesto, quello di fermarmi - ha concluso -, ho però lanciato una provocazione forte. Il coraggio è anche la forza di fermarsi e dire basta quando qualcuno prova a turbare la serenità di un progetto politico alternativo rispetto alle solite realtà”.

Potrebbe Interessarti

  • Video | Tragedia alle porte di Gallipoli, auto si ribalta: muore giovane donna

  • Video | Crollo in pieno centro, sfiorata la tragedia: chiusa una intera via

  • Sangue sulle strade del Salento: perde la vita un automobilista

  • Video | Nuvole minacciose all'orizzonte: il maltempo colpisce anche il Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento