Per Salvemini “Lecce è il suo mare”. Per le marine decisivo il Piano delle Coste

L’ex sindaco ricorda le tappe di approvazione del nuovo strumento di pianificazione del litorale. “Il nuovo consiglio decreterà l’approvazione definitiva”

LECCE – Per rilanciare concretamente e fattivamente le marine e il litorale leccese le uniche linee guide non possono che essere quelle del Piano comunale delle coste. E da quella impostazione che il candidato del Centrosinistra, Carlo Salvemini, intende ripartire per proseguire nella pianificazione già avviata nel corso della sua amministrazione. “Disporre di un Piano delle Coste è il primo passo verso la tanto invocata valorizzazione delle marine” spiega l’ex sindaco, “che è un percorso molto più complesso, lungo e appassionante di quanto talvolta si ascolta. Perché il Piano delle Coste riguarda tutti: cittadini, i residenti, gli imprenditori balneari, i turisti, le federazioni sportive. E’ una impresa collettiva che dura nel tempo. Abbiamo finalmente mosso i primi passi lungo questa strada” incalza Salvemini, “e riteniamo che in campagna elettorale ci si debba assumere la responsabilità politica di precisare quale idea d'uso della costa si propone alla collettività, perché è doveroso mettere i cittadini nelle condizioni di scegliere partendo da indicazioni chiare. Ancor più quando si è chiamati, come in questo caso, a rendere conto di scelte difficili che non sono dettate dal pregiudizio, ma guidate dal rispetto di norme, vincoli e tutele. E noi intendiamo farlo alla luce del sole”

Partendo da questa linea di demarcazione Salvemini passa a rammentare lo status quo dell’iter di approvazione del nuovo strumento di pianificazione urbanistica per il litorale. “Il 15 febbraio è stata pubblicata la proposta di Piano comunale delle Coste messa a punto dalla nostra amministrazione” ricorda Salvemini, “e dopo il passaggio della Valutazione ambientale strategica si procederà all'adozione del piano e alla importante fase della presentazione delle osservazioni da parte delle cittadinanza. Al termine di questa fase sarà dunque possibile procedere all’approvazione definitiva che potrebbe così avvenire entro l'anno, con l'insediamento del nuovo consiglio comunale.  In diciotto mesi” aggiunge l’ex primo cittadino, “grazie al lavoro appassionato di Rita Miglietta e del settore urbanistica Lecce sarà dotata di un strumento di governance strategica della costa atteso dal 2011, anno di approvazione del piano regionale. Per noi lavorare al piano comunale delle coste non è stato procedere a un mero adempimento normativo: la tutela della costa, lo sviluppo delle potenzialità ambientali, turistiche, l'accessibilità e fruibilità della marine rappresentano un obiettivo strategico di primaria importanza, meritevole di studio, approfondimento, pianificazione. Perché crediamo che Lecce è il suo mare”.

Da qui Salvemini entra nel dettaglio del modus operandi adottato dalla sua amministrazione nella fase istruttoria dio redazione del piano comunale costiero. “Ci siamo incaricati, in una lunga e articolata fase di ascolto, conoscenza, esplorazione dei luoghi e delle criticità delle marine” spiega ancora Salvemini, “ci siamo impegnati, nella redazione del Piano, in una indispensabile, perché trascurata in passato, acquisizione di tutti gli elementi conoscitivi necessari: geomorfologici, botanici, fisici, a partire da uno studio sull’erosione costiera. Abbiamo approfondito il tema delicatissimo dell'abusivismo e del conflitto tra la natura e cemento. Abbiamo da subito lavorato con la Soprintendenza per scrivere insieme le regole di coesistenza tra architetture balneari e paesaggio. E ancora” continua nella sua esposizione l’ex sindaco, “abbiamo precisato che pianificare un uso sostenibile delle marine leccesi non equivale a predisporre un piano del commercio delle licenze balneari: significa definire una convivenza tra importanti e riconosciuti interessi privati con altrettanti importanti e riconosciuti interessi pubblici. Abbiamo presentato, e ci sono stati finanziati, due progetti che prevedono a Frigole la riqualificazione dei paesaggi della bonifica e di Acquatina, il rifacimento del lungomare Mori: un fondamentale tassello per la costruzione di un'idea di spazio pubblico nella marina. Abbiamo scelto di valorizzare la costa leccese guardando al mare, alla storia, alla natura e allo sport” conclude Salvemini, “per incoraggiare la fruizione delle spiagge da parte dei bagnanti; per evidenziare le potenzialità culturali che le nostre marine esprimono: torri costiere, molo di Adriano, paesaggi della bonifica. Per valorizzazione la ricchezza unica delle aree naturalistiche, Acquatina, Rauccio, Torre Veneri, per incentivare le attività sportive, acquatiche e non, che garantiscono fruizione sostenibile delle aree naturali e aprono una nuova strada per il turismo”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

  • Spaccio e furto, coppia nei guai. Lei si finge incinta per evitare il carcere

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento