Piano delle coste: meno concessioni, strutture più leggere, chioschi e sport

Giro di boa verso l'approvazione delle strumento urbanistico: previsto, rispetto alla bozza della giunta Perrone, un incremento delle spiagge libere attrezzate, un dimezzamento degli stabilimenti, una fruizione diversificata e non solo per balneazione

Canale a Torre Chianca.

LECCE – Diminuzione delle concessioni demaniali nel complesso, dimezzamento del numero degli stabilimenti balneari, incremento netto delle spiagge attrezzate con servizi, ritocco al rialzo per le spiagge libere, previsione di chioschi e di aree di divulgazione, più spazio agli sport acquatici.

Rispetto alla versione presentata dall'amministrazione Perrone in scadenza di mandato, il Piano delle coste del Comune di Lecce punta oggisulla diversificazione degli usi del demanio, sull’alleggerimento della pressione dell’uomo e delle auto su un litorale che per circa un quinto della sua estensione è soggetto ad una severa erosione costiera, sul principio che il mantenimento delle strutture per tutto l’anno – cavallo di battaglia di molti balneari impegnati in continui contenziosi amministrativi con la Soprintendenza – è meritevole di tutela nella misura in cui si favorisce effettivamente la fruizione della costa durante i dodici mesi, smascherando l’alibi del mantenimento inteso solo come possibilità di evitare i costi dello smontaggio.

Dopo poco più di un anno di lavoro, l’assessore Rita Miglietta ha presentato il Piano delle Coste che l’amministrazione comunale ora sottopone alla Commissione per la valutazione ambientale strategica. Si riannodano così i fili di una trama che si era interrotta nel dicembre del 2017 con la richiesta di sospensione avanzata dalla giunta da poco in carica per approfondire gli aspetti che vari enti preposti (la Soprintendenza tra questi) ritenevano lacunosi nel piano redatto dalla precedente amministrazione.

"Viviamo in una fase storica nella quale la nostra costa è molto vulnerabile - ha spiegato l'esponente della giunta - e non possiamo pensare di pianificare il futuro se immaginiamo la nostra cosa come monofunzionale, cioè legata univocamente all'attività balneare. La nostra costa ha bisogno anche di usi diversificati, di tipo nauturalistico, culturale, perché i nostri 22 chilometri di litorale sono ricchi di torri costiere, di aree protette e c'è una domanda forte di sport acquatici. Noi abbiamo arricchito le nostre conoscenze e pensiamo di consegnare alla commissione un piano multifunzionale. All'inizio del nostro lavoro ci siamo posti l'obiettivo di lavorare sulla fruizione costiera attraverso tre temi strategici, accessibilità, diversificazione dell'offerta e delocalizzazione delle strutture".

dunespiaggiabella-2A giudicare dal primo impatto, la valutazione del piano è molto positiva, come ha testimoniato la soprintendente per l’Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio per le province di Lecce, Brindisi e Taranto, Maria Piccarreta: “Questo è un progetto in cui dialogano in maniera equilibrata urbanistica e paesaggio, c’è una visione del territorio da parte di un’amministrazione che parla fuori dal coro delle polemiche di questi mesi. Non c’è infatti e non ci può essere antitesi tra tutela del territorio e sviluppo economico”. Il sindaco, Carlo Salvemini, le ha fatto eco: “Tutela è sviluppo. L’interesse pubblico non è la sommatoria di pur legittimi interessi privati, il piano delle coste non è un piano commerciale, ma uno strumento di governance del territorio”.

Nel complesso sono stati individuati 42 lotti concedibili sul demanio con fronte mare: 17 stabilimenti balneari (oggi sono 28) per un totale del 16,30 per cento della costa utile (38,13 nella bozza della giunta Perrone), 20 spiagge libere con servizi per il 44 per cento (24 per cento nella versione precedente), strutture per giochi acquatici, corridoi di lancio. La percentuale di spiaggia libera aumenta leggermente, dal 37,87 per cento al 39,55.

Per diminuire la pressione attualmente concentrata in alcuni punti e “delocalizzarla”, sul litorale di Torre Chianca si potranno dare concessioni per spiagge libere con servizi anche in tratti con profondità inferiore ai 15 metri. In ottica di nuove concessioni sono stati inoltre rilevati ambiti di arenile oggi esclusi dal demanio a Spiaggiabella, in località Montegrappa e Acquatina, entrambe a Frigole.

Insomma, nessun intento di contrapporsi agli imprenditori balneari, ma una rilettura ragionata del litorale, delle sue fragilità messe a nudo dalla presenza spesso aggressiva degli insediamenti umani, ma anche dalle sue potenzialità inespresse. In prossimità delle torri costiere, ad esempio, ci saranno punti di divulgazione naturalistica e culturale delle marine. Previsti anche tredici chioschi, e più in generale strutture considerate ammissibili sul demanio, come pedane, recinzioni, arredi ombreggianti coerenti con l’obiettivo di salvaguardare la vista del mare e la libera fruizione del paesaggio.

Una parte del piano riguarda l’accessibilità della costa con percorsi pedonali, ciclabili e carrabili. La bozza - preparata dal gruppo di lavoro, composto dal geologo Stefano Margiotta, dal biologo Leonardo Beccarisi, dall'ingegnere Luciano Ostuni e dall'architetto Davide Rizzo, con il coordinamento dell'architetto Sabina Lenoci -  prevede un sistema di parcheggi piccoli e dislocati in maniera più uniforme sul litorale, legati alla concessioni attive, entro la fascia di 300 metri dalla costa e anche aree di sosta esclusive per il trasporto pubblico. Programmata una drastica riduzione degli accessi carrabili posti in continuità con le strade trasversali alla costa, considerati minaccia all’integrità dei sistema delle dune.

L’iter amministrativo del piano è piuttosto articolato e prevede una valutazione della commissione per la valutazione ambientale strategica, quindi l’adozione da parte della giunta, l’approvazione in consiglio, la trasmissione alla Regione e una ultima e definitiva approvazione, sempre nell’assise cittadina. Date le premesse politiche maturate nelle ultime settimane, con l'allontanamento del gruppo di Prima Lecce dall'intesa siglata con il sindaco per garantirgli una maggioranza stabile, è difficile pensare però ad una navigazione tranquilla del piano presentato oggi. Ma il provvedimento resta uno dei punti principali del programma di governo e l'amministrazione Salvemini intende portarlo avanti fino all'ultimo giorno possibile nella convizione che sia uno strumento di programmazione della costa non più rinviabile e pensato nell'ottica dell'interesse pubblico.

Intanto il governo cittadino ha proposto alla Soprintendenza una bozza di intesa per "innalzare la qualità del paesaggio costiero" con la previsione, oltre che di fruizioni differenti da quelle balneari, del mantenimneto per l'intero anno solare per quegli stabilimenti individuati come stazioni di monitoraggio costiero, caratterizzati da facile rimozione dei manufatti, riduzione dell'impatto volumetrico rispetto al periodo estivo, smontaggio delle strutture legate alla balneazione e allestimenti architettonici con requisiti specifici. L'intenzione è quella di legare il mantenimento, inoltre, ad un piano delle attività previste a garanzia dei servizi continuativi per lo sviluppo diversificato del litorale. In pratica l'amministrazione vuole coinvolgere alcuni concessionari nel monitoraggio costante della costa, prevedendo la presentazione di relazioni periodiche sullo stato dei luoghi, con riferimento in particolare alla spiaggia emersa, alle dune, alla linea di riva.

pianocosteconferenza-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Se avessi le opportunità economiche, porterei tutti i componenti della Giunta, Sindaco compreso, a trascorrere qualche settimana sulle spiagge di Valencia, o di Santander, o di Tarragona, o di Huelva, o di Maiorca in Spagna. Docce libere, con bagni e fontanine potabili, ogni 100 metri di spiaggia, pulizia elevatissima, chilometri di sabbia senza cicche, senza immondizie, senza un cerino buttato per terra e agenti della Polizia Locale che percorrono continuamente, con auto attrezzate, tutto il litorale. Poi chiederei ai nostri amministratori: "Come mai in Spagna riescono a fare tutto ciò, con meno tasse e imposte pagate dai cittadini?". A Lecce, nonostante parte del litorale (Casalabate) sia stato ceduto ad altri Comuni, non si riesce a fare qualcosa di utile per i cittadini e per il turismo su appena 22 Km di spiagge, ASSURDO. Ieri ho percorso, a San Cataldo, le passerelle poste prima della darsena, per consentire ai vacanzieri di raggiungere la spiaggia, ebbene, con le mareggiate degli ultimi giorni, queste passerelle sono piene di alghe e immondizia giunta dal mare, il prossimo estate saranno tutte marce e impraticabili. Per non parlare della darsena, ormai abbandonata, tra poco tempo i lavori in pietra, già avviati e ora fermi, saranno da abbattere per rifare tutto daccapo. "Piano delle coste", che bei paroloni, ma siamo sicuri che il prossimo estate sarà uguale a quelli già trascorsi e cioè: sporcizia ovunque, erbacce ovunque, marciapiedi sconnessi, lidi privati sempre più allargati e allungati, mercati mai controllati sia sotto l'aspetto igienico, sia sotto l'aspetto qualità della merce venduta, carenza di Vigili Urbani, buche stradali sempre più grandi, sportello bancomat perennemente inutilizzabile, ecc. ecc. Così si vuole incrementare il turismo balneare a Lecce? Poveri illusi.

    • Conosco bene la Spagna e posso confermare quello che lei scrive, da Valencia a Ibiza e Formentera è tutta un altra cosa, spiagge e servizi liberi a tutti, anche il soccorso in spiaggia, la giornata al mare senza ansia da ombrellone privato senza rotture dei lidi che nn vogliono che l ospite porti da mangiare da casa, insomma tutto a misura d uomo e turista. Ecco perché la Spagna è avanti anni luce

  • Basta concessioni a questi ipocriti che appena possono ti piazzano un ristorante al posto del lido. Basta concessioni a questi profittatori. Basta regalare suolo pubblico a questa marmaglia. Che agli altri ne viene niente in tasca. Tantomeno occupazione. Aveva ragione il mio meccanico, Biagio. Una volta concessa l'appropriazione temporanea del suolo pubblico non siamo più padroni di niente. Nemmeno di farci le foto con lo sfondo del mare o ,semplicemente, di sederci in riva al mare. E il turista se ne viene col tagliando fatto, si sappia. Di certo non va da Biagio e a Biagio ne viene in tasca niente di queste belle concessioni.

    • Sono d'accordissimo il lido privato non da alcun vantaggio al territorio, sfruttano i dipendenti, hanno prezzi esagerati sia per noi salentini ma anche per i turisti!! Ci vuole più spiaggia libera gestita dai comuni o dagli enti parco cosí come succede ad esempio in spagna

  • E' sufficiente percorrere a piedi dalla rotonda di San Cataldo in direzione Sud e cioè Viale A. Vespucci per rendersi conto che gli stabilimenti balneari privati sono adiacenti uno all'altro (attaccati) senza alcuna possibilità di accedere alla spiaggia e neppure di vedere il mare. Un piano delle coste anche dal Comune di Vernole per dimezzare i lidi privati, quando? Ma ritornando alle spiagge leccesi, Sindaco e Assessori vari, non aspettiamo il mese di Luglio per fare una radicale e profonda pulizia delle spiagge, del verde, delle erbacce e delle potature dei pochi alberi esistenti e invitiamo l'acquedotto pugliese a ripristinare il manto stradale dove si sono conclusi i lavori per la fognatura, possibilmente rifacendo l'intero asfalto stradale e non le solite "pezze" ondeggianti. I cittadini proprietari di abitazioni sul litorale (per la maggior parte seconde case) pagano ENORMI imposte e tasse per TARI e IMU, cerchiamo di rendere loro, e a tutti i vacanzieri, un'estate più accettabile.

  • Qualcuno spieghi al Sindaco e a tutta l’Amministrazione che “spiaggia libera attrezzata” è sinonimo di lido! Dovrebbero solo affittare gli ombrelloni e i lettini ma occupano l’area abusivamente impedendo di fatto la fruizione a chi non paga! Lo vediamo tutte le estati ma forse il Sindaco non se n’è accorto...o fa finta di non saperlo.

    • All'italiota medio non interessa. Legge spiaggia libera e festeggia.

  • Finalmente una nuova visione del litorale, una costa fruibile da tutti a prescindere dal portafoglio, magari ragionassero cosí a porto cesareo...io ho sempre pensato che i lidi privati sono uno degli aspetti negativi del turismo salentino

  • Aggiungerei a chi sfrutta il suolo l'estate che lo pulisca anche d'inverno almeno una volta ogni due mesi al primo di ogni mese

  • Sindaco più pulizia spiagge libere sopratutto sull'arenile sempre pieno di tutto lo schifo che arriva dal mare e da quello che lascia la gente @#?*%$a fregandosene altamente e comportandosi come fanno a casa loro dove sono sporchi.

Notizie di oggi

  • Nardò

    Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Attualità

    Parla il giovane autore del “controselfie” con Salvini: “Spero in un effetto virale”

  • Politica

    Vita nuova per i pendolari salentini: in arrivo i treni moderni e veloci di Fse

  • Attualità

    Classifica dei Comuni virtuosi ed efficienti: Lecce ancora in zona retrocessione

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

Torna su
LeccePrima è in caricamento