Piano della sosta per la città vecchia. Oltre 500 le auto dei residenti

L’assessorato al Centro storico ha reso noto l’esito del censimento dei veicoli propedeutico alla riorganizzazione delle aree a parcheggio. In 400 hanno presentato il modulo richiesto dal Comune

GALLIPOLI - Un nuovo piano della sosta per favorire i residenti del centro storico di Gallipoli riservando i parcheggi lungo le riviere e nell’area portuale tenendo conto del dato reale degli aventi diritto. E i primi dati parlano esattamente di 528 veicoli ( nello specifico 520 auto, 5 moto o scooter e 3 ape car) che sono realmente utilizzati da abitanti del borgo antico. Con lo spirito delle equità e regolamentazione della sosta nel mese di febbraio era partito il censimento delle auto e veicoli in dotazione nel borgo antico sulla scorta della disposizione impartita congiuntamente dagli assessori Biagio Palumbo (con delega specifica al Centro Storico) e Paola Scialpi (Viabilità e Polizia municipale).

Dopo il lavoro di analisi, dello scorso anno, della Commissione di controllo sulle autorizzazioni e i pass rilasciati per l’accesso alla città vecchia (presidiata in estate dal varco elettronico), e a seguito della richiesta esplicita formulata dall’associazione “Abitanti e amici del centro storico di Gallipoli”, l’amministrazione comunale ha inteso fare sintesi e avviare una nuova disciplina per regolamentare le aree di sosta. Ottenere il numero reale di auto in dotazione ai soli residenti è stata ritenuta una condizione indispensabile per poter fare una seria pianificazione delle zone di sosta da riservare, in via esclusiva, ai residenti del borgo antico. Terminato il periodo concesso ai residenti per presentare la relativa domanda, ora l’assessorato al Centro storico è passato all’analisi dei riscontri ottenuti. Dalla relazione che l’assessore Biagio Palumbo ha inviato, in questi giorni, all’attenzione del sindaco Stefano Minerva e dell’assessore Scialpi, emerge che sono stati 400 i cittadini della città vecchia a presentare il relativo modulo presso la sede comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dalle dichiarazioni presentate” scrive Palumbo, “sostano nel borgo antico 528 veicoli, di cui 520 auto, 5 moto o scooter e 3 ape. Di questi, 451 veicoli parcheggiano lungo le strade, riviere o vie interne, 14 utilizzano i parcheggi nel porto commerciale, 29 parcheggiano il veicolo in garage. E ancora 29 utilizzano alternativamente le strade ed il porto commerciale, 5 utilizzano alternativamente il garage ed il porto”. Nella disamina dell’assessorato, sulla scorta di tali datim si è ipotizzata anche la suddivisione della città vecchia in tre zone. La zona A (da via Antonietta de Pace compresa sin all’angolo con via Sant’Angelo e sino a via Sant’Elia esclusa); la zona B (da via Sant’Elia compresa a via Moline, via San Luigi e via Duomo escluse);  e la zona  C (da via Moline sino a via Antonietta de Pace angolo bar Martinucci). In tal modo si è contato che 147 abitanti parcheggiano i loro veicoli nella zona A, 130 nella zona B e 123 nella zona C. “Ritengo che occorrerà analizzare attentamente i dati pervenuti” conclude l’assessore Palumbo, “per migliorare la situazione parcheggi all’interno del centro storico e ovviamente resto a disposizione del sindaco e dei cittadini per analizzare insieme le soluzioni migliori. E’ del tutto evidente dal risultato del censimento delle auto nel centro storico che il porto commerciale è ancora scarsamente utilizzato. Si è trattato di uno step necessario che rientra nella rimodulazione del piano generale del traffico urbano” spiega ancora l’assessore Palumbo, “e per migliorare il servizio e riformulare le aree destinate al parcheggio. Dallo studio e dall’analisi dei problemi del centro storico sono emerse problematiche attinenti alla viabilità e alla relativa sosta dei mezzi. Per questo motivo, si dovrà giungere a soluzioni che renderanno la città più vivibile e sicura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

  • Alla vista degli agenti, si “rifugia” in mare con la bici: multa al ciclista nuotatore

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

Torna su
LeccePrima è in caricamento