Più forte anche del destino, Sabrina Bozzicolonna lancia la sua candidatura

La 29enne nel 2008 fu travolta da un albero caduto dal cortile dell'Ateneo. Dopo i successi nello sport la sfida politica

LECCE – La forza di rialzarsi dopo la tragedia, di essere più grandi del destino e delle avversità. A distanza di quasi nove anni (era la sera del 5 dicembre 2008) dal terribile incidente in cui rimase gravemente ferita e perse l’uso elle gambe, dopo essere stata travolta in via Adua da un grosso albero di pino che si trovava all’interno del cortile dell’Ateneo, Sabrina Bozzicolonna lancia una nuova sfida con la candidatura al Consiglio comunale di Lecce.

A 29 anni, dopo essere diventata uno dei pilastri della Lupiae Team Salento (da un paio d’anni nel giro della nazionale), formazione di serie B della pallacanestro in carrozzina, Sabrina è pronta ad affrontare la campagna elettorale. “Una prospettiva diversa” lo slogan che la accompagnerà verso le elezioni dell’11 giugno. Diversa come la prospettiva di chi ogni giorno deve fare i conti con le barriere architettoniche e le difficoltà che si trova ad affrontare chi si sposta su una carrozzina. “Sogno una città diversa, migliore e più accessibile a tutti”, ha spiegato con il suo sorriso la giovane candidata della lista Direzione Italia. Bozzicolonna punta poi al recupero delle marine leccesi, possibile fulcro della Lecce del futuro.

La candidatura di Sabrina Bozzicolonna è stata lanciata dall’assessore Attilio Monosi (della stessa lista) e dal candidato sindaco Mauro Giliberti. “Pensiamo che una persona speciale, dinamica e piena di risorse come Sabrina meriti e debba essere eletta – hanno commentato –. La sua storia e le sue capacità possono essere una grande risorsa per l’amministrazione della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento