Poli Bortone a Messuti e Congedo: "Sindrome ansiosa, si uniscano a me"

Il 17 marzo il centrodestra ha in calendario le primarie, con tre candidati. La ex prima cittadina, di nuovo in campo per Palazzo Carafa, chiede il passo indietro

Adriana Poli Bortone e Paride Mazzotta (febbraio 2017).

LECCE - Adriana Poli Bortone non ignora l'appello all'unità del centrodestra lanciato dall'associazione Movimenti e anzi, se ne fa interprete invitando i candidati alle primarie - Saverio Congedo, Gaetano Messuti e Mario Spagnolo - a fare un passo indietro. 

In una nota la ex prima cittadina di Lecce, da domenica scorsa nuovamente in campo per la carica di sindaco, ha spiegato: "Siete ancora in tempo per conseguire l’unità: faccio appello alla razionalità, al buon senso ed alla reale volontà di unirsi a me per restituire la città al centro destra. Mettete uno stop alle primarie. Et de hoc satis!".

Per Poli Bortone la rottura dell'unità dello schieramento non è certo responsabilità sua. Era stata indicata da Forza Italia come figura in grado di rappresentare, senza ricorrere alle primerie ritenute uno strumento facilmente manipolabile, le varie anime del centrodestra. In un secondo momento il partito coordinato a livello provinciale da Paride Mazzotta ha cambiato rotta, convergendo sulla posizione degli altri partiti - Direzione Italia, Lega, Fratelli d'Italia - favorevoli alla "selezione" interna per la scelta del candidato. Il cambio di strategia ha implicato una polemica molto accesa in Forza Italia, tanto che il coordinatore cittadino, Cristian Sturdà, è stato messo da parte.

Quel passaggio, per Adriana Poli Bortone, spiega dunque la scelta di correre per le amministrative: "Leggo tardivi appelli all’unità del centrodestra. In effetti l’unita sul mio nome era stata la prima proposta fatta da Forza Italia: c’è da chiedere agli altri partiti del centro destra ed alla 'civica' di Messuti perché non hanno inteso accogliere quella proposta unitaria. Oggi qualcuno si è accorto che la mia candidatura è stata recepita con forte simpatia da buona parte della città e quindi pare sia subentrata una forte sindrome ansiosa montante, tale da invocare oggi l'unità". 

Difficile, anzi impossibile, che Congedo  (Fratelli d'Italia e Direzione Italia) e Messuti (Forza Italia e movimenti) raccolgano l'invito. Meno problemi avrebbe la Lega, che non pare intenzionata a fare barricate. E se i movimenti che intendono appoggiare Adriana Poli Bortone hanno comunque garantito che in nessun caso faranno il gioco del centrosinistra, è chiaro che a una donna con la sua storia - è stata ministro della Repubblica, parlamentare per vari mandati oltre che sindaco della città per due consiliature ed esponente sempre di rilievo della destra italiana - non può andare giù di essere trattata come una principiante. In fondo, in quel centrodestra ci sono, in posizione rilevante, coloro che la estromisero dalla giunta Perrone nel 2009. Ma allora lo schieramento era a Lecce una corazzata invincibile e una classe dirigente più rampante puntava a consolidare nuovi equilibri.

Primarie: riunione del comitato di garanzia

Intanto la macchina organizzativa procede: un comunicato di Fratelli d'Italia informa che alle 19.30 nello studio legale Garrisi, si terrà la prima riunione del Comitato di Garanzia cui sono attribuite tuttel le competenze in tema di primarie: dal regolamento alla campagna elettorale, dal controllo delle operazioni di voto alla proclamazione del vincitore. I componenti sono il presidente  Antonio Cavallari (già Presidente del Tar Lecce), gli avvocati Francesca Conte, Roberto De Giuseppe, Gianni Garrisi, Davide Pierri, Maurizio Tafuro e Fernando Tarantino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • La Senatrice Poli Bortone trattata come una De Benedetto qualsiasi: basterebbe già questo per votare dall’altra parte. Il lupo perde il pelo.....

  • Sono alla frutta . Forza Carlo !

  • Si litigano.....si sparlano.....si infamano.......poi tutti uniti. ...... ....... .....dovremmo riflettere sulla coerenza di questi monellacci

  • Vai Adriana,Lecce è sempre stata di destra,riprendiamocela.

  • paura di perdere? o sanno già di aver perso? che barzelletta ahahahahahahahahaha

    • la stessa barzelletta che avete fatto voi altri per oltre 20 anni,unica fortuna che avete trovato in carlo una persona seria e perbene! Resta il fatto che per vincere la scorsa volta , vincere per modo di dire ,sapendo che non sarebbe durato più di tanto, avete avuto bisogno di una persona che per anni è stata legata alla destra . Ancora pensiamo alla destra alla sinistra senza pensare al bene comune, la nostra bella città.

      • voi? 20 anni? barzelletta? non capisco a cosa si riferisce francamente, anche perchè le risate amare, le hanno offerte sempre i suoi compari di destra. vogliamo pensare al bene comune della città? bene, l'unica strada porta a salvemini, i suoi compari di destra rivogliono solo la "loro" poltrona; che poi dov è scritto che sia loro? stia tranquillo, vogliamo entrambi il bene della città, dove sono nato e cresciuto. anche lei è di lecce? buona serata

        • Io mi riferisco al dato di fatto ,che la destra a Lecce non ha più un identità , probabilmente lei e qualcun altro potreste gioire per questo , resta il fatto che per 20 anni sono stati capaci di cambiare il volto della nostra città più nel bene ! Poi il resto sono chiacchiere , intanto grazie a chi ha governato siamo conosciuti in tutto il mondo , credo che questo sia sotto gli occhi di tutti. Poi grazie a dio le mele marce sono fuori , ma anche da parte del PD vedi torricelli, che da sempre sponsorizza la sinistra leccese. Però non dimentichi che hanno fatto gli altri per tutti questi anni , niente , timide opposizioni tra l'altro a braccetto . Non sono miei compari come sostiene lei , anche perché non sono legato come lei a nessuna schiera , e poi Carlo al quale ho dato il voto la scorsa volta , che oltre ad essere un mio caro amico è un ottima persona. Al contrario suo che ancora rimane legato al suo ideale politico. Personalme ho superato da molti anni questo problema dei partiti , cosa che voi altri non farete mai , ma senza offesa dico questo, in quanto non credo nella politica , ma scelgo le persone . Per finire sono di Lecce anche io la saluto

  • è vero Adriana è il vecchio che avanza... Che buffonata e quando facciamo ricircolo? Mi sembra Berlusconi. Non hanno capito che è arrivato anche il loro tempo..

  • Adriana in pensone quando?

Notizie di oggi

  • Politica

    “Un sindaco da solo non cambia la città. Piazzale Cuneo ce lo insegna”

  • Politica

    “Per me voto disgiunto da tutte le coalizioni”. La scommessa di Adriana

  • Cronaca

    Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Cronaca

    "Chronos", accusati di assenteismo: chiuse le indagini su 17 dipendenti

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento