Porto Cesareo, una piazza dedicata al primo parroco

E' costata 200mila euro e inaugurerà domani, alla presenza del sindaco e del vescovo Caliandro, la piazza che porta il nome di don Lorenzo Marzio Strafella, primo parroco cesarino, nominato nel 1952

piazza_due
L'inaugurazione ufficiale avverrà domani. A Porto Cesareo c'è attesa per il nuovo spazio cittadino, intitolato ad una figura di grande carisma e umanità: si chiamerà infatti piazzale don Lorenzo Marzio Strafella, la nuova piazza realizzata dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Vito Foscarini. La progettazione dello spazio urbano si deve all'architetto Anna Rizzello e all'ingegner Pasquale Fanizza. La piazza sorge di fronte alla parrocchia della Beata Vergine Maria del Perpetuo Soccorso ed è stata completamente ristrutturata e ridonata alla comunità rivierasca nord-salentina dopo un periodo di lavori. Costo totale dell'opera, circa 200mila euro. Il taglio del nastro avverrà alle 18, alla presenza di autorità civili, religiose e militari. Oltre al primo cittadino, parteciperanno il vescovo della Diocesi di Nardò-Gallipoli, monsignor Domenico Caliandro, il parroco don Antonio Bottazzo e l'intero consiglio Comunale.

L'intitolazione della nuova piazza a don Lorenzo Strafella è stata fortemente voluta dall'amministrazione comunale cesarina e resa possibile anche grazie al continuo interessamento ed alla collaborazione di don Salvatore Nestola. "Don Lorenzo Marzio Strafella - raccontano Egidio Peluso, assessore alla Cultura e don Nestola - è stato il primo parroco di Porto Cesareo, con nomina avvenuta l'8 settembre del 1952. Resse e diresse la parrocchia sino al 21 marzo 1985, giorno del suo decesso. Appena giunto in paese - ricorda don Salvatore - dedicò tutte le sue energie non solo per evangelizzare ma anche per promuovere umanamente il borgo di pescatori. Fu lui ad edificare la chiesa parrocchiale in due round: i lavori iniziali infatti furono bloccati per mancanza di fondi e solo dopo aver ottenuto un contributo statale accompagnato anche da spese personali, si riuscì a costruire l'edificio. Durante la sua attività ecclesiale promosse in tutti i rami dell'Azione cattolica collaborando per l'indipendenza di Porto Cesareo dal comune di Nardò".

Dopo inaugurazione della piazza, è previsto un incontro culturale con inizio intorno alle 18,45, fissato proprio sotto la navata della Chiesa della Beata Vergine Maria del Perpetuo Soccorso. Si tratta della prima conferenza di un ciclo di dibattiti a tema su: "Santi patroni e identità civiche fra adozione e tradizione", organizzati dall'Union 3 e dalla Società di storia patria per la Puglia. Per questo primo incontro riflettori puntati sui santi patroni di Porto Cesareo fra tradizione popolare e direttive liturgiche, con Santa Cesarea e la Beata Vergine del Perpetuo Soccorso in primo piano. Relatore della tavola rotonda Gigi Pasanisi della Società di storia patria per la Puglia. L'introduzione sarà affidata a don Antonio Bottazzo, parroco di Porto Cesareo, mentre le conclusioni saranno di Mario Spedicato docente presso l'Università del Salento e presidente della Società di storia patria di Lecce. "Grande soddisfazione e l'augurio di gioia e felicità per la nuova piazza cittadina", è il messaggio inoltrato a tutti i cesarini dal sindaco Vito Foscarini e dal presidente del consiglio Eugenio Sambati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sasha Cuffaro
    Sasha Cuffaro

    200000 x questa piazza????ci sono le fatture????secondo me ne costa appena 50!mano d'opera compresa!!!!!!!!!!!

  • ma come si fanno a sperperare 200 mila euro in questo modo! Secondo me gli amministratori sono degli incompetenti. povera italia

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento