Quasi venti porte rubate, danni e vandalismo: la denuncia del sindaco

A Galatone il primo cittadino Filoni si presenta dai carabinieri per i casi del campo sportivo e dell'ex Centro socio pedagogico

GALATONE – Una denuncia penale, contro ignoti, per atti di vandalismo, ma anche un’annotazione dal sapore politico. Il sindaco di Galatone, Flavio Filoni, infatti, si è recato presso la caserma dei carabinieri per segnalare “deturpamento, atti di vandalismo, e sciacallaggio del patrimonio immobiliare”, episodi che, precisa in una dichiarazione, “si sono registrati precedentemente al mio insediamento, senza nessuna nota a riguardo lasciata agli atti, ma soprattutto senza nessun interesse per i beni della nostra città”. 

Fra le “categorie” di ladri che infestano ogni città, vi sono quelle dedite al furto di rame, infissi, alluminio. Adocchiano una struttura, magari abbandonata o poco sorvegliata, e iniziano vere e proprie razzie. Per esempio, nel campo sportivo “Gigi Rizzo” di via Lecce, sono state rubate diciotto porte d‘alluminio. A queste si devono aggiungere  i danni e furto degli infissi nell’edificio ex Centro socio pedagogico di via Settimo.

Appello al senso di civiltà

“Credo fermamente – dichiara l sindaco Filoni - che il cambiamento passi da una maturità civica di ognuno di noi, dalla volontà di rispettare l’ambiente e quello che ci sta intorno. Non possiamo crescere come comunità, solidale e collaborativa,  quando vi sono atti vandalici di questo genere.  Dobbiamo salvaguardare le strutture e custodirle come se fossero nostre. I primi a farne le spese sono i nostri figli.  Oltre ad essere pericoloso dal punto di vista dell’incolumità personale”.

Di certo, chi è entrato di soppiatto negli edifici, non s’è risparmiato: quadri elettrici smontati, mattonelle e interi bagni divelti, cavi tranciati, soglie smontate di sana pianta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo cittadino si appella quindi alla città, chiedendo una crescita sotto il profilo civico, ovvero “utilizzando il pugno di ferro quando serve, denunciando trasgressori e vandali che ledono il nostro patrimonio”. Un patrimonio che è di e, conclude, “da poter sfruttare appieno senza la paura che un giorno qualcuno possa compiere atti di scempio e sciacallaggio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento