"La Questura merita una nuova sede": la firma del protocollo in Prefettura

Domani il capo, Gabrieli, firmerà per l'acquisizione di alcuni terreni da destinare all’edificazione della nuova struttura. Uil Polizia: "Un passo importante, ma non definitivo"

Il terreno nei pressi di via Lodi.

LECCE - La Questura avrà una nuova sede. Almeno si spera. La battaglia durata anni per trasferire gli uffici dell’attuale struttura di viale Otranto, considerata in stato di degrado e inadatta ad ospitare le attività del corpo di polizia, sembra essere giunta ad una conclusione. Il capo della polizia, Franco Gabrieli domani 15 novembre sarà infatti a Lecce, in Prefettura, per sottoscrivere un protocollo d’intesa relativo all’acquisizione, da parte del ministero dell’Interno, di alcuni terreni da destinare all’edificazione della nuova sede. Il sindacato Uil Polizia, che si è dato parecchio da fare per risolvere quest’anno problema, presentando anche un dossier approfondito in occasione dell’ultimo incontro con il capo della Polizia, considera questa tappa importante, ma non definitiva della questione.

“La sottoscrizione del protocollo sarà importante sia per i poliziotti che per i cittadini del capoluogo salentino, in quanto una struttura più funzionale ai compiti istituzionali della Polizia di Stato si tradurrà inevitabilmente in maggiore efficienza ed in migliori e maggiori servizi per la comunità”, commentano i segretari di Uil Polizia.

“Negli anni abbiamo denunciato le difficili condizioni di lavoro cui tuttora sono costretti tutti i colleghi che operano nella Questura, spendendosi anche nella ricerca e nella proposta di possibili soluzioni – si legge in una nota stampa-. Il 14 settembre il segretario provinciale, Salvatore Annesi, ha consegnato un dossier sullo stato di degrado dell’attuale sede della Questura, nel quale venivano riassunti i vari fallimentari iter tecnico-burocratici che si sono susseguiti nell’ultimo decennio per l’individuazione di una nuova struttura”.

Il plico era corredato da fotografie che documentavano il decadimento dei luoghi in cui sono costretti a lavorare i poliziotti leccesi. “In quell’occasione la massima carica della Polizia di Stato si è da subito dimostrata sensibile ed interessata all’annosa problematica, non indugiando nemmeno innanzi ad una nostra specifica richiesta- spiega la Uil-: trascorrere un’intera giornata all’interno dell’immobile di viale Otranto, al fianco di tutti i colleghi, ciò al fine di meglio comprendere il loro quotidiano disagio”. 

“Ancora una volta il prefetto Gabrielli ha dimostrato la propria integrità d’animo e di pensiero, onorando la promessa fatta e quindi proprio in occasione del suddetto impegno, trascorrerà l’intera giornata insieme al personale della Questura, ritagliando anche qualche ora per visitare gli altri uffici di Polizia presenti nella provincia. Riteniamo davvero encomiabile l’attenzione che il capo della Polizia sta prestando verso le problematiche dei poliziotti di questa provincia e non perderemo l’occasione per ribadire anche la pressante urgenza di aumentare in modo significativo la dotazione di uomini e mezzi per tutti gli uffici. Rivolgiamo infine un doveroso e sentito ringraziamento al questore Laricchia che, a differenza d’altri, ha sempre anteposto il fare ai soliti inutili proclami che sono stati immancabilmente l’anticamera del nulla”, conclude la nota stampa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

  • Positivo a sostanze psicotrope, arrestato giovane che ha investito il belga

Torna su
LeccePrima è in caricamento