Detenuti al lavoro presso la procura: firmata la convenzione per due anni

Il Comune garantisce gli oneri assicurativi, l'amministrazione penitenziaria individua i beneficiari che saranno impiegati per quattro ore al giorno

Da sinistra Russo, Salvemini, De Castris.

LECCE - Nei prossimi due anni fino a cinque detenuti saranno impegnati in attività di reinserimento lavorativo presso la procura della Repubblica di Lecce. Un'apposita convenzione, sullo schema di accordi già in vigore in altre parti d'Italia, è stata firmata questa mattina a Palazzo Carafa. Il Comune si fa carico degli oneri assicurativi, l'amministrazione penitenziaria indica i soggetti e vigila sui trasferimenti da e verso il carcere, la procura garantisce i tutor. 

La selezione avverrà tra i detenuti che vorranno aderire al progetto. Restano esclusi da questa possibilità coloro che sono sottoposti a un regime di massima sicurezza. "La funzione primaria del nostro ordinamento, quella del reinserimento sociale, è stata un fallimento - ha commentato senza giri di parole il procuratore Leonardo Leone De Castris -. In molti casi dal carcere si esce con l'inclinazione a delinquere nuovamente". Da qui il senso di una iniziativa che vuole segnare un rapporto sempre più stretto tra la casa circondariale, diretta da Rita Russo, e la città che la ospita. 

"Il Comune di Lecce - ha commentato il sindaco, Carlo Salvemini - ha aderito alla convenzione facendosi carico delle spese di assicurazione Inail per le persone che saranno coinvolte: è un piccolo investimento che abbiamo scelto di sostenere per rafforzare il processo di reinserimento di persone che al termine della pena torneranno ad essere cittadini liberi, con i loro diritti e i loro doveri, della nostra città. Noi vorremmo lo facessero consapevoli di vivere in una comunità che ha saputo individuarli e sanzionarli per gli errori commessi, ma anche offrirgli un motivo di riconoscenza e un’occasione per cambiare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I detenuti potranno essere impiegati per 4 ore al giorno, dalle 9 alle 13, in mansioni di archiviazione, di manutenzione come giardinaggio o tinteggiatura, di trasferimento di fascicoli in altra sede, per un periodo non superiore ai 24 mesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Fermato per strada trema davanti ai carabinieri. In casa aveva marijuana

Torna su
LeccePrima è in caricamento