lunedì, 21 aprile 15℃

Ritrovati reperti archeologici del Neolitico nel cantiere della statale 16

Scoperta importante, nell'area di Palmariggi, dove sono stati ritrovati frammenti di ceramiche, lame, pezzi di ossa, asce litiche risalenti al periodo preistorico: ed ora ritorna l'incertezza sui lavori per le quattro corsie

Redazione18 novembre 2012
33

PALMARIGGI - Reperti archeologici risalenti al periodo del Neolitico sui luoghi della Otranto-Maglie, l’arteria stradale, epicentro di un cantiere discusso, che ne prevede il raddoppio e l’allargamento a quattro corsie. La scoperta, ricadente nell’area del comune di Palmariggi, lo scorso 13 novembre, potrebbe segnare una “svolta” sul futuro dell’infrastruttura, in quanto confermerebbe le ipotesi lanciate nei mesi scorsi da alcuni ambientalisti e studiosi circa il pregio archeologico dell’area su cui sono stati piantati i picchetti.

Sul posto, è stata rinvenuta la presenza di frammenti di ceramiche, lame, pezzi di ossa e soprattutto due asce litiche, “bottino” ritrovato in un’area di superficie, in località Scarnia, estesa per circa 800 metri quadrati e ricadente sul tracciato della super strada. A segnalare i reperti Christian Villani, studioso, che già nel 2004, aveva presentato un lavoro di tesi all’Università del Salento, dove evidenziava l’esistenza di un villaggio preistorico nella zona.

La scoperta è stata segnalata a tutte le autorità competenti e, con una lettera dettagliata, alla Sovrintendenza di Taranto, primo organo deputato ad esprimersi sui ritrovamenti e a sciogliere le riserve sul da farsi circa l’insistenza del villaggio, nell’area del cantiere. Entro pochi giorni si attendono, dunque, sollecite risposte.

D’altra parte, gli ambientalisti, pur nella soddisfazione manifestata per i preziosi rinvenimenti, sottolineano le incongruenze in cui sono partiti i lavori del cantiere. In particolare, Oreste Caroppo, da sempre in prima linea per la realizzazione di una strada parco che sia attenta alle testimonianze neolitiche, afferma: “È la dimostrazione che avevamo ragione e che è stato alquanto inopportuno far partire i lavori senza prima affrontare un doveroso studio archeologico, visto che da più parti veniva richiesto e si segnalavano queste presenze”.

Annuncio promozionale

Occhi puntati soprattutto sulle complanari, che rappresenterebbero nel concreto la parte più “devastante” del cantiere del raddoppio. Del resto, gli studi di quanti avevano segnalato il villaggio preistorico confermano che il luogo stesso fosse da qualche parte censito. Se la Soprintendenza non dovesse essere reattiva e celere nella propria risposta, non si esclude che gli ambientalisti possano pensare di rivolgersi alle vie giudiziarie per difendere l’area.

Palmariggi
statale 16

33 Commenti

Feed
  • Avatar di Giallorossodoc Salento

    Giallorossodoc Salento Ritengo personalmente che l'allargamento a 4 corsie della SS 16 Maglie-Otranto sia inutile, superfluo anzi dannoso per l'intero ecosistema dell'area. Penso che serva solo a far girare un po' di soldi. Altra storia la SS 275 che rappresenterebbe la svolta per il Sud Salento i cui operatori economici e tutti gli automobilisti sono costretti ad attraversare i vari paesini danneggiandoli ed inquinandoli inevitabilmente.

    il 24 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco io parla di fanatismo dell'ambientalismo in particolare.... stiamo parlando di un raddoppio su una strada gia esistente dove alberi vengono espiantati e ripiantumati un po piu in la.. dove c sono incroci a raso che pericolosi e dir poco.. e cmq se i soldi pubblici servono a dare lavoro come nel caso della ss 16 e a muovere economia è preferibile, piuttosto che dare 500 di elemosina agli operai come si fa con la cassa integrazione.... ma si potrebbe parlare anche di altri casi eh.... per esempio la 275.. non volere un allargamento di quella strada è semplicemente da pazzi.. la strada piu assurda del salento, con semafori all'improvviso e paesini paesotti sul suo percorso e forse circa 100 incroci a raso.... e di alberi di ulivo li non ce ne sono eh..daii

    il 21 novembre del 2012
  • Avatar anonimo di Guido De Benedetto

    Guido De Benedetto Gianfranco, qui non si tratta di voler male o meno ai lavoratori. Tutti hanno il sacrosanto diritto di portare a casa la pagnotta, ma facciamogliela guadagnare in un modo differente, senza dare fastidio a tanta altra gente che vive anche con meno. L' esproprio, non danneggia nessuno? Come diceva Oronzo, li facessero lavorare con la risistemazione delle strade esistenti, della ferrovia che, nel Salento, piange dall'alba dei secoli. Nelle zone turistiche mancano le strutture per accogliere gli ospiti: adeguati parcheggi, ad esempio. L’allargamento della Maglie - Otranto è proprio uno schiaffo alla razionalità e al valore del denaro (il nostro denaro). Otranto che viene affollata durante la stagione estiva, è storia vecchia, sin da quando hanno aperto il Club Mediterranee. E se non c’è stato bisogno di un’autostrada allora, perché oggi si sente questa grande esigenza, proprio quando lo stesso sito sta per chiudere (ad esempio)? Forse serve a qualcuno per gonfiare il portafogli? Altre ragioni non ne vedo.

    il 21 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco l'avevo preceduta scrivendo che era un esempio banale per rendere l'idea... e comunque le approssimazioni sono le proposte di strada parco in ogni dove, proposte di complanari sterrate e tanto tanto altro.. di reale ce solo lavoro e pane quello che un folto gruppo non vuole che ci sia

    il 21 novembre del 2012
    • Avatar di Oronzo

      Oronzo Pane e lavoro...... ma finiscila! BASTA!

      E quando la strada finisce che fai? Ne progettiamo un'altra? E poi un'altra e poi un'altra ancora...??????

      Ma perchè non possono riasfaltare quelle esistenti che fanno schifo invece di consumare altro territorio????

      Ti stai lamentando da giorni degli ambientalisti che sarebbero tutti impiegati pubblci? Ma la ditta che deve realizzare il raddoppio della ss 16 da dove li prende i soldi? Dal mercato privato???

      Sono tutti soldi nostri, pagati dalle nostre tasche!!!!

      Permetti che mi incacchio se usano i soldi miei per fare una cosa che non serve e che sfregia la mia terra??????

      (E poi pane e lavoro vale solo per le aziende edili? E i calzaturifici? E la pesca? E i contadini? Perchè lo Stato non fa qualcosa per loro? Perchè tu non ti preoccupi per loro?)

      il 21 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco buona idea.. lasciamo tutti i lavoratori a casa e lasciamo che sia lo stato a pagare gli stipendi dei lavoratori. peccato che lo Stato per pagare i dipendenti pubblici e le pensioni (cosa questa che interessa la maggior parte dagli ambientalisti in larga parte pensionati e dipendenti pubblici)abbia bisogno dei contributi versati dai lavoratori e che la sua idea sia realizzabile sono nell'ex URSS.... e per quanto riguardo il discorso asfalto e pendolari quello che lei dice nonmi sorprende piu di tanto perche fosse per l'ambientalismo tutto il salento e tutti i luoghi sarebbero raggiungibili con tratturi, strade di campagnee non asfaltate....come le complanari della maglie otranto: Lei ha mai visto una strada di campagna non asfaltata dopo 1 giorno di pioggia? (ovvio che sto facendo un esempio banale per rendere l'idea di cosa voglio dire)

    il 21 novembre del 2012
    • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

      Cosimo Alessandro Quarta Quante banalità in un solo commento...... Come si fa a rispondere a questa sagra dei luoghi comuni a questo festival dell'approssimazione. E' vero sempre di commenti a margine si tratta, ma al bar dello sport ho ascoltato osservazioni più profonde!!!

      il 21 novembre del 2012
  • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

    Cosimo Alessandro Quarta Primo: 4 camion di cemento per i Balcani e me lo chiami porto???? Ma se neanche Genova o Gioia Tauro sono porti in confronto ad Anversa o Amburgo. Cerchiamo di avere il senso della misura per cortesia!

    Secondo: questa storia di chi sta comodamente al suo posto sta stufando (vai sul sito dell'istat a vedere cosa sono i sistemi locali del lavoro e come per magia scoprirai che la gente per lavorare non si muove solo tra Maglie e Otranto ma è tutto il Paese che funziona così, Nessuno pensa di dover fare delle autostrade per pendolari che si muovono quotidianamente altrimenti l'Italia sarebbe una grande piazzola di asfalto a forma di stivale!)

    Terzo: non è possibile solo perchè non si vuole fare. Se la politica decidesse che invece di "investire" in cemento si converte la spesa pubblica in reddito di cittadinanza, scopriremmo che invece si può fare benissimo!

    E per l'ultima volta: basta col ricatto occupazionale. Abbiamo rovinato il Sud in questi 40 anni con questo modo becero di ragionare! Basta con questo vecchiume. Strategia di Lisbona, Europa2020, postfordismo.... oggi il valore aggiunto si crea con innovazione e attività immateriali. Sieti vecchi, antiquati e sorpassati: così non si va da nessuna parte e la Cina si sorpassa in meno di 5 anni!

    il 20 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco Primo: mi risulta che al porto di otranto giornalmente si caricano navi di cemento per i balcani per cui eccoli i camion che percorrono quella strada.. Secondo: ho parlato anche di chi percorre quella strada giornalmente per lavoro e che abita in tutti i paesi da maglie a otranto e sottolineo CHI LA FA quella strada non chi sta comodamente al suo posto.... Terzo: si è ipocriti quando si dice dividiamo i soldi dell'appalto agli operai perche nel momento in cui viene sparata questa dichiarazione gia si sa che non sarà mai possibile.. gli operai percepiscono uno stipendio per effettuare una prestazione che è il lavoro, il loro lavoro e chiunque non voglia le opere infrastrutturali per il bene degli ulivi (prova di quanto si è passati da un eccesso all'altro) non se ne frega minimamente degli operai perche è comodo nelle proprio case... per chi dice poi che l'ambientalismo è un tema.. lo è in tutta Italia tranne nel salento dove è solo un fanatismo praticato da benestanti e che hanno tanto tanto tempo da spendere... io credo che se chiedessimo agli operai cosa scegliere tra ulivi e pane sceglierebbero la seconda.. quindi lavoro

    il 20 novembre del 2012
  • Avatar di Oronzo

    Oronzo Lo ribadisco soprattutto per chi rimane aggrappato ai luoghi comuni: io non sono "ambientalisto", io sono solo salentino, amo la mia terra, odio vederla stuprata per il guadagno di pochi, mi disturba la connivenza di chi si beve qualsiasi scempio in nome di un non meglio precisato sviluppo....
    Non mi piacciono i panda, mi imporat relativamente dell'Amazzonia.
    Per quello che mi è possibile faccio la mia parte per salvare la mia terra!

    il 20 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco x cosimo alessandro quarta.... piu che occuparvi di ambiente sembrate solo IL PARTITO DEL NO... cosa molto semplice e di moda in Italia...l'intento è distruggere piu che cercare qualcosa di costruttivo.. comincio a spiegarmi il perche del fatto che il partito ambientalista è SPARITO dalla scena politica

    il 19 novembre del 2012
    • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

      Cosimo Alessandro Quarta Perchè l'ambientalismo è un tema non un partito. Se per ambientalista intendi VERDE, stai sbagliando come al solito...

      E' questa superficialità, questa schematicità che vi fa fare giudizi affrettati e poco ponderati su tutto che rovina il Paese, non certamente questo fantomatico "partito del no".

      Meno approssimazione, please.

      il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco x oronzo.. vai a chiedere ai cari ambientalisti cosa ne pensano di far proseguire l autostrada da massafra fino a giu... e cmq si da il caso che otranto per meta anno conta molta e molto di piu che 5000 abitanti, che tutto l anno è attraversata da mezzi pesanti che vanno al porto senza contare di chi abita in tutti i paesi che stanno da maglie a otranto e che la percorrono per lavoro giornalmente....senza contare e chiudo (ma questo capisco bene che non è un problema per chi è comodo a prendere una pensione o è pagato dallo Stato) che 250 operai sono in cassa integrazione da 2 anni e mezzo.. fattore questo che non è capibile se non da quei poveri operai che si trovano in questa situazione... vorrei vedere, chi commenta fanaticamente a favore dell'ambiente, a scervellarsi a campare con 500 euro al mese

    il 19 novembre del 2012
    • Avatar di Oronzo

      Oronzo Ah ah ah... oddio! Ma che stai dicendo? I camion al Porto di Otranto????
      Ma vatti a guardare i dati sui porti prima di sparare enormità!!!

      E anche in estate Otranto ha molti meno residenti di Porto Cesareo, Nardò, Gallilipoli e Ugento.

      E poi non usare con me il solito paternalismo dei posti di lavoro! Primo perchè il ricatto occupazionale è il più grave sintomo della schiavitù culturale del Sud e poi perche dimmi tu come camperanno quegli operai alla fine dei lavori: asfaltano casa tua?

      Io sono per dare TUTTI i soldi dell'appalto agli operai: risparmiamo sul cemento, diamo più soldi in tasca alle famiglie ed evitiamo lo scempio del Salento (che tu odi così tanto da volerlo vedere sfigurato)
      Il tuirsimo di Otranto è un turismo d'elite non di massa!

      il 19 novembre del 2012
      • Avatar anonimo di Guido De Benedetto

        Guido De Benedetto Oronzo ..... Il tuirsimo di Otranto è un turismo d'elite non di massa!

        Concordo con te, Oronzo, sulla questione dello stipendio agli lavoratori. Si potrebbe trovare senza danneggiare nessuno, smembrando il territorio. Per quanto concerne la tua frase sopra citata, Otranto, non è mai stata meta di un turismo d'elite. Vorrebbero farlo diventare, ma le varie amministrazioni comunali non hanno mai avuto la capacità di affrontare di petto la questione. Meglio così, dico io. Se ciò avvenisse, sarebbero guai seri per il territorio e per gli abitanti. L'elite ha bisogno di essere coccolata quando fa i capricci e noi otrantini siamo abituati ad avere un comportamento meno formale, salutando l’ospite con la pacca sulla spalla.

        il 20 novembre del 2012
        • Avatar di Bugmenot

          Bugmenot Se ad Otranto è turismo di massa, non oso immaginare come chiameresti quello di Gallipoli...

          il 20 novembre del 2012
        • Avatar di Oronzo

          Oronzo sono d'accordo con te: non intendevo ELITE in senso deleterio.....

          il 20 novembre del 2012
  • Avatar di Oronzo

    Oronzo Caro Andrea, a parte che l'ecologia qua non c'entra proprio nulla.....
    Qua si parla di ECONOMIA e TERRITORIO.....
    buttare quei milioni per trasformare in highway una striscia d''asfalto che conduce ad un paesino di 5mila abitanti è uno SCEMPIO innanzitutto di soldi pubblici.

    Tu e il tuo amichetto Donne Brasco siete i veri provinciali: siamo tagliati fuori dal mondo, ci tolgono i treni, non abbiamo navette con l'aeroporto, l'autostrada finisce a Massafra ma vi prendono per c__o con la Maglie-Otranto e vi sentite "moderni"......

    Utioli idioti di un SUD che si è fatto stuprare per 60 anni!!!!!

    Vai a Taranto a vedere quanto sono stati POCO PROVINCIALI con lo "sviluppio industriale"....

    La verità è che siete culturalmente schiavi del NORD, incapaci di riflettere sul vostro destino e trovare una via autonoma di sviluppo!

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di blasi

    blasi anche io percorro la maglie - otranto , a me non sembra una strada pericolosa
    x me era piu urgente il raddoppio della maglie - leuca

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco e poi tutti questi falsi fanatici arcaici e sottolineo benestanti, perchè gli ambientalisti fanno parte del ceto benestante che lavora in ufficio o è in pensione e non sa come riempire le giornate non sono contrari solo alla statale 16 ma al qualsiasi mini intervento stradale da fare nel salento in nome della macchia e dell'ulivo.. del quale per altro il territorio e chi lo lavora riesce a guadagnarci un 1 per cento di quanto si potrebbe fare per il semplice fatto che non sappiamo dove sia di casa l'impresa... inoltre facendo la statale 16 ultimamente, ho visto che gli ulivi espiantati sono ripiantumati immediatamente quindi di cosa parlate??? continuate a organizzare feste degli aquiloni anziche non far lavorare la povera gente..

    il 19 novembre del 2012
    • Avatar di Oronzo

      Oronzo Se vai all'Ecotekne , cerca sulle bacheche il numero di qualche ragazzo laureato in economia: con pochi soldi ti darà delle ripetizioni a casa che ti lasceranno di stucco per quello che è successo negli ultimi 30 anni!

      il 19 novembre del 2012
  • Avatar di andrea

    andrea Tutte le mattine percorro la otranto maglie e onestamente parlando lo faccio sempre con un po di apprensione, soprattutto quando piove. Mi viene da ridere quando leggo i commenti di tutti quei falsi "moralisti ecologici". Se proprio ci tenete tanto a non deturpare il nostro pur sempre bel paesaggio cominciate voi stessi dalle piccole cose. Prendete meno la vostra auto, inquinate di meno; fate la raccolta differenziata della spazzatura come si dovrebbe fare e non tanto per fare; impostate i riscaldamenti di casa a 18/19 gradi e non 22 come avete sempre fatto; non sporcate per terra, è segno di inciviltà; consumate prodotti della nostra terra, ne giova salute, imprenditoria locale e portafoglio; non sprecate energia elettrica lasciando in stand-by i vostri apparecchi domestici. Potrei continuare ma penso che solo questo basti per far capire quanti predicano bene e razzolano male. Ma veramente pensate che allargare quel pezzo di strada, aumentando la sicurezza (ricordo di aver assistito ad un incidente mortale in diretta, un'auto che uscì di strada schiantandosi su un albero di ulivo), ...perche si aumenta la sicurezza..., possa in qualche modo deturpare cosi in maniera devastante il paesaggio? Poi fanno bene a chiamarci terroni e ignoranti. Donnie Brasco, quoto a pieno il tuo post!!!

    il 19 novembre del 2012
    • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

      Cosimo Alessandro Quarta PS: poi le lezioncine di "sostenibilità" vai a farle agli "sviluppisti" come te non certamente a chi si occupa di ambiente quando tu stavi ancora giocando con la playstation...

      il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Donnie Brasco

    Donnie Brasco ma quale scempioo, ma quale scempiooo che fra un pò se stiamo a sentire ancora quegli pseudoecologisti torniamo all'età della pietra!!! ma è possibile che solo nel salento siete in grado di perdere tutte le occasioni (eh si, perchè avete anche la fortuna di averle) per rendere quel triangolo di terra al passo coi tempi!!! e che caXXXo!!! e no all'alta velocità, e no ai porti turistici, e no alle strade a scorrimento veloce, e no agli alberghi, e no alle infrastrutture.. ma che volete??? meritate veramente di rimanere nella provincialità più anonima!!!

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di giuliano

    giuliano su quella strada bastavano 4 belle rotatorie. con quei soldi si potrebbero sistemare tutte le strade dei centri abitati salentini..ci sono dei centri con delle strade vergognose!

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

    Cosimo Alessandro Quarta Qua di paleolitico non ci sono solo i reperti ma anche l'idea (ormai superata in tutti i Paesi moderni) che asfaltando tutto si crea economia.....
    Chiamare INFRASTRUTTURA lo scempio in cantiere della Maglie-Otranto, è come definire RICERCA gli esperimenti di Mengele.....

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Davide Tommasi

    Davide Tommasi in un paese civile con la metà di quei reperti si riempirebbe un museo e si darebbe lavoro e turismo alla comunità...
    ...qui ci passano sopra le strade per NON PORTARE turisti!

    il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Gianfranco

    Gianfranco in un territorio paleolitico a livello di infrastrutture con ambientalismo fanatico estremista e paleolitico un reperto archeologico ci stava

    il 18 novembre del 2012
    • Avatar di Davide Tommasi

      Davide Tommasi il problema del Salento è la gente che la pensa come tè...
      ...anzi la gente che non pensa perché è troppo complicato
      Gente che preferisce quello che gli viene inculcato nel cranio più tosto che cercare di trovare soluzioni vere x i problemi

      il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Styven Marsela

    Styven Marsela concordo con voi , che molte strade sono distrutte , ma molte arterie importanti come la statale 16 deve essere allargata perche' causa di molti incidenti per imprudenza altrui .( parlo perche' vittima di quella strada 7 anni fa).... saluti

    il 18 novembre del 2012
    • Avatar di Davide Tommasi

      Davide Tommasi ti posso chiedere la dinamica del tuo incidente?

      il 19 novembre del 2012
  • Avatar di Cosimo Alessandro Quarta

    Cosimo Alessandro Quarta Nel Salento esistono MIGLIAIA DI CHILOMETRI di strade dissestate che lo fanno sembrare una regione uscita dalla guerra.

    Sono strade provinciali e comunali vergognose per un Paese civile, eppure continuano a progettarne di nuove (spesso inutili) che poi non riusciranno a manutnere (senza contare che sono decenni che l'ANAS non paga gli espropri ......)

    Servirebbe ragionare sui nostri servizi stradali senza farsi prendere dai luoghi comuni. Le aziende lavorerebbero di più, l'ambiente sarebbe salvaguardato e la sicurezza delle strade già esistenti risulterebbe migliorata!

    Troppo semplice?

    il 18 novembre del 2012
  • Avatar di Fausto Terragni

    Fausto Terragni Archeologia e non solo. Ambiente falcidiato e non solo. Soldi buttati al vento e non solo. La storia e l'ambiente, ricchezza disconosciuta del territorio, per un'idea pazzesca (sic) che graverà nel futuro con ulteriori investimenti senza senso. Al momento vengono all'occhio due scempi: Palmariggi e lo svincolo per Bagnolo del Salento: Personalmente sono sempre per cinque buone rotatorie che avrebbero il merito di un costo limitatissimo e di salvaguardia dell'incolumità dei transitanti. Per quanto riguarda l'impiego della forza lavoro non ci sarebbe alcuno storno se con l'ingente somma messa a disposizione si beneficiasse tutto (proprio tutto!) il Salento con rotatorie dove sono necessarie.

    il 18 novembre del 2012