Duro Laforgia: "Non sono ricattabile". Ed è scontro con il legale di Margiotta

Ancora polemiche e scintille sempre più roventi sulla vicenda che vede contrapposti l'ex rettore dell'Università del Salento e il sindacalista Tiziano Margiotta. E questa volta arriva anche una risposta personale dell'avvocato Benedetto Scippa: "Travisa le parole, sono pronto alla denuncia"

L'ateneo salentino

LECCE – Non si placano le polemiche e la querelle giudiziaria che sembra vedere contrapposti l’ex rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia e il sindacalista Tiziano Margiotta, che ieri, attraverso il suo legale, l’avvocato Benedetto Scippa, aveva puntualizzato in merito all’esposto presentato dall’ex magnifico. Oggi è arrivata la replica di Laforgia: “leggo delle incredibili insinuazioni dell'avvocato Scippa, difensore del sindacalista Tiziano Margiotta, in base alle quali lo stesso sarebbe in possesso di documenti che dimostrerebbero un mio coinvolgimento in vicende giudiziarie alle quali sono del tutto estraneo".

"Mi sorprende molto, poi, che il Margiotta conservi altri documenti riguardanti, a dire del suo avvocato, una situazione che è da dieci mesi all'attenzione dell'autorità giudiziaria. Immaginavo che tutto fosse già stato messo a disposizione degli inquirenti e trovo perlomeno inquietante questa possibilità. “Quando si nascondono documenti comprovanti un reato lo si fa – prosegue l’ex rettore –, in generale, per complicità o per ricattare qualcuno. In queste circostanze si sta addirittura rasentando la minaccia, cosa inutile con me, perché ho già avuto modo di dichiarare altre volte che non sono ricattabile”.

“Infine – conclude Laforgia –, la pacificazione interna è un obiettivo di qualsiasi amministratore pubblico ma non  deve mai essere conseguita a spese della legalità e della legittimità, obiettivi da me sempre perseguiti con perseveranza, vigore  e, a volte, durezza. Mi riservo di querelare il sindacalista Margiotta, e chi ne ha riportato le dichiarazioni, per tali insinuazioni offrendogli ampia possibilità di prova”.

A stretto giro arriva la riposta del legale di Margiotta, proprio Scippa, che, definisce "oltremodo ingiuriose, minacciose ed altamente lesive della dignità del sottoscritto sia dal punto di vista personale che di professionista", le dichiarazioni dell'ex rettore che fanno riferimento al comunicato stampa di ieri del sindacalista Margiotta. E che per questo preannuncia una denuncia "per la tutela della indiscussa onorabilità del sottoscritto".

"Sorprende che da un uomo di elevata cultura quale l'ingegner Laforgia - dice l'avvocato Scippa -, si travisino le dichiarazioni riportate dai mezzi di informazione e di poi provengano allusioni nemmeno tanto latenti ad un comportamento del difensore di Margiotta non solo scorretto ma soprattutto in dispregio del codice penale stante la dichiarata intenzione di voler ricattare alcuno mediante l'uso fraudolento di prove che sarebbero ben conservate e soprattutto tenute nascoste alla magistratura". Insomma, la situazione diviente sempre più rovente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento