Tra giardini e teatro, rifiuti gettati nel cortile della scuola. Il monito del sindaco

Lattine, bottiglie, carte: dopo improvvisate consumazioni, gli "scarti" vengono gettati all'interno del perimetro dell'istituto Costa di piazzetta De Santis

Rifiuti nel cortile della scuola Costa (foto LeccePrima).

LECCE – Nell’antologia dei comportamenti incivili, l’abbandono di rifiuti ha sempre un capitolo riservato. Accanto alla città degli scorci suggestivi che fanno da sfondo ai selfie e alle cartoline viruali, c’è quella, spesso distante solo pochi metri dalla prima, degli angoli bersagliati dal degrado.

Con alcune foto inserite sul proprio profilo facebook, il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, ha voluto portare all’attenzione pubblica la situazione del cortile dell’istituto Costa, in piazzetta De Santis, tra via Costa e via Trinchese, tra la villa comunale e il Teatro Apollo. Nonostante i contenitori per la differenziata in dotazione ai locali - proprio davanti c'è una rosticceria - e i cestini in sede fissa, c'è chi si libera dei propri avanzi nel peggiore dei modi.

rfiuticortilecosta-2Così, stoviglie e bottiglie di plastica, carte, lattine, pacchetti di sigaretta vengono gettati all’interno del perimetro della scuola, magari dopo una fugace consumazione. Il muretto perimetrale dell'istituto, sul quale è infissa una ringhiera, può fungere da seduta. Non è una novità: “É quello che accade quotidianamente lungo le strade urbane e periferiche di Lecce (e dentro terreni privati abbandonati utilizzati come discariche) e che viviamo come un dato di realtà immodificabile. Invece dobbiamo reagire e convincerci che possiamo essere tutti ogni giorno cittadini migliori per avere una città migliore”.

Il primo cittadino punge sull’orgoglio i cittadini: “Noi stiamo lavorando per garantire città un servizio di spazzamento e raccolta rifiuti rispondente alle nostre aspettative e necessità, ma perché sia efficace dobbiamo collaborare tutti. quando si afferma ‘che ci vuole?’ per avere Lecce pulita - quasi disponessimo di soluzioni semplici che non intendiamo adottare - tenente conto di queste e altre fotografie che ci dicono altro. Ci vuole molto: amore per la città. Ci vuole molto: considerare strade, piazze, aiuole, parchi, spiagge come estensioni della propria abitazioni perché la città è la casa di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento