Prove di organizzazione a sinistra. Rifondazione: “Con SI e Lbc l’alternativa a Salvemini”

I portavoce della federazione locale, coordinati dal segretario Ernani Favale, ritengono impensabile il sostegno all’attuale coalizione che va formandosi attorno al sindaco uscente

Palazzo Carafa (Foto di archivio)

LECCE - Che tutte le forze di sinistra si mettano a tavolino per far fronte “comune” a Palazzo Carafa. È la soluzione (e la posizione) proposta dai portavoce della federazione provinciale di Rifondazione comunista in vista della competizione elettorale per la scelta del nuovo sindaco di Lecce. “Auspichiamo che le forze di sinistra presenti in cittàa partire da Sinistra italiana e Lecce Bene Comune, insieme a tutti coloro che si riconoscono nei valori costituzionali e nella difesa del lavoro , possano e sappiano unirsi per garantire ai cittadini la possibilità di una alternativa reale alle due destre in campo. Perché, questa volta, non ci siederemo dalla parte del torto”, scrivono in una nota divulgata nelle ultime ore agli organi di stampa, al termine di un incontro presieduto dal segretario provinciale, Ernani Favale.

Per il direttivo locale del partito di Maurizio Acerbo, infatti, è impensabile l’idea di un sostegno alla coalizione che sostiene la (ri)candidatura di Carlo Salvemini, sindaco uscente, perché “utilizza il cosiddetto civismo come foglia di fico per coprire alleanze innaturali con forze politiche di chiaro stampo liberista e di destra, tra cui anche l’ultima arrivata: quella Puglia Popolare, gemmata da Forza Italia e già benedetta a Bari dal governatore Emiliano”. Per i referenti locali di Rifondazione comunista, insomma, quella coalizione che si va costruendo attorno all’ex sindaco Salvemini non può rappresentare una alternativa di sinistra per la città.Possiamo dire che il Pd e il suo sindaco sono stati, per la destra leccese, ciò che a livello nazionale il Movimento 5 stelle e Luigi Di Maio sono stati per Salvini: un cavallo di Troia attraverso cui formazioni di estrema destra, che pure non avevano i numeri per farlo e che si erano presentate divise alle elezioni, hanno potuto riprendere le redini della amministrazione pubblica”.

Poi aggiungono: “Lo scontro tra due destre, che vede da una parte quella di Fitto, Perrone, Marti e Poli Bortone e dall’altra quella destra che, utilizzando una figura incolore come Carlo Salvemini, ha tentato di farsi maggioranza negli ultimi 18 mesi, forzando la logica politica e le regole elettorali. Nel 2017, come Prc, abbiamo sostenuto convintamente la candidatura di Luca Ruberti con Lecce bene comune, poiché ritenevamo che fosse l’unico candidato in grado di rappresentare i valori e le istanze della sinistra.  Quanto accaduto già dopo il primo turno di quella tornata elettorale non ha fatto che confermare questa nostra convinzione. Abbiamo criticato fin da subito le scelte del sedicente “centro sinistra” e dell’ex sindaco, a partire dall’apparentamento al secondo turno con la coalizione che sosteneva Delli Noci  e che comprendeva al suo interno la lista “andare oltre”, fino a quel “patto per la città” stretto con i consiglieri che facevano riferimento al senatore leghista Roberto Marti”, proseguono da Rifondazione comunista.

“In questi 18 mesi a Lecce è mancata completamente la politica ed in particolar modo è mancato, all’ex sindaco e alla sua maggioranza, il coraggio di attuare scelte politiche su temi cruciali per la città e il territorio: non una parola contro il mostro Tap, o contro la barbarie del “decreto Salvini”, che pure tanti amministratori hanno deciso di disapplicare.  Paradossalmente, l’unica presa di posizione si è registrata sulla “Lupiae Servizi”, vicenda in cui questa amministrazione ha mostrato il suo volto iper liberista: prima proponendo l’applicazione della cosiddetta “legge Madia” e poi approntando una soluzione che fa pagare ai lavoratori i danni provocati dalla cattiva gestione della società, imponendo in maniera ricattatoria un cambio di contratto altamente penalizzante per i dipendenti. E non è un caso che, proprio su queste scelte scellerate in tema di tutela dei diritti del lavoro, sia esplosa la crisi che ha fatto prima vacillare e poi cadere miseramente la maggioranza di governo. Ma, ancora più grave, è che si sia consegnata alla destra – di maggioranza e di opposizione – la difesa dei lavoratori e la delega degli interessi di un blocco sociale che dovrebbe essere compito della sinistra rappresentare”, concludono.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Li conosco bene questi "puri" della sinistra sin dagli anni sessanta. Ce n'era uno che fondava partitini a sinistra sempre più a sinistra: quando raggiungeva il numero di tre militanti litigava e si spostava ancora più a sinistra inventandosi ogni volta una sigla diversa. Se c'è una cosa che uno vero e convinto di sinistra sa è che i conti si fanno con la realtà. E più osservi e analizzi e studi i fenomeni reali, più sei in grado di trovare la strada per affermare quei principi di giustizia sociale e di uguaglianza che stanno nel DNA della sinistra, a partire dalla rivoluzione francese: libertà, uguaglianza e fraternità (solidarietà), mai realmente compiuti, perché inseguiti separatamente l'uno dall'altro. Sarà meglio essere presenti in una giunta, la più vicina alle tue idee, o la meno lontana, piuttosto che esserne fuori e lasciare la città alla destra della quale, peraltro, si conosce l'operato, no? Se sei in giunta, magari qualche tuo progetto non malvagio potrebbe realizzarsi, o no? Se sei fuori, sparisci come è destino che capiti a tutti quelli possono prospettare l'Eden sicuri che non saranno mai chiamati a realizzarlo. Contenti loro! Ma lascino stare l'appellativo di sinistra, per favore.

  • Siamo alle solite: Bertinotti che fa cadere Prodi per "spostare a sinistra l'asse politico del governo" aprendo la porta a Cossiga, Turigliatto, il duro e puro, che vota con Mastella per far cadere il governo di centro-sinistra riaprendo la porta a Berlusconi, e questi quattro fanatici della Lecce bene con la zucca desalinizzata, che non comprendono la differenza tra avere una persona onesta come Salvemini come sindaco e avere il centro-destra a governare la città, con le sue abituali manovre, poco trasparenti, per usare un eufemismo. È un cancro, a quanto pare ineliminabile, della sinistra, che l'ha portata alla quasi sparizione. Nel nostro caso però potrebbe essere una fortuna. L'ultima volta misero insieme l'1,5% dei voti e stavolta ne potrebbero addirittura far guadagnare a Salvemini. La loro candidatura renderà chiaro a tutti che il candidato sindaco non ha nulla a che fare con questi penosi personaggi, risultando infine vantaggiosa.

  • penso che a sinistra c'è sempre chi si sente più a sinistra degli altri, e se solo questi "puristi" avessero studiato un pò di storia del '900 potrebbero constatare che questa divisione a sinistra della sinistra ha sempre favorito le destre... e mica siete tutti Gramsci o Luxemburg!!!!!!!!!! Ma ai puristi basta parlare perchè poi non fanno parte del popolo...blablabla critico e giudico gli altri ma senza sporcarmi le mani perchè che percentuale raggiungeranno mai...per una volta provino a sostenere una persona che cmq ha lavorato nell'interesse della città... ma meglio essere primi dello "0,00000" che supportare nell'ombra gli altri....e non mettano in mezzo i principi della sinistra per favore....come se questa falsa sinistra radicale vivesse tra il popolo...che sappiamo tutti che non fanno esattamente parte del ceto proletario!!!!!!!!!!!!!

  • Allora è vero che mangiavano i bambini....

  • Siamo alle solite.. duri e puri, convinti che occorre fare politiche di sinistra per tutti i leccesi. come? ..spingendo la destra al governo della città.! Bertinotti docet!!!!

    • condivido assolutamente ...quattro gatti rigorsamente borghesi!!!! Molto borghesi!

    • Condivido in pieno con l’aggiunta che sono rimasti in “4 scappati da casa” e che a mala pena rappresentano se stessi. Salvemini vincerà comunque perché l’aria è cambiata ????

  • Più che rifondazione direi riesumazione di deviati dalla realtà.. mi dispiace ma non amate la patria..

Notizie di oggi

  • Sport

    Lecce, tre partite per spingersi oltre ogni previsione. Basta mugugni

  • Cronaca

    Sopralluogo dell'Enpa: trovati cani stipati dentro box fatiscenti

  • Cronaca

    Giovane ciclista morì dopo lo scontro con un’auto: un anno al conducente

  • Cronaca

    Sfonda una finestra per rubare in una casa, acciuffato durante la fuga

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • “Favori&Giustizia”, l’avvocatessa patteggia e si sfoga: “Ho subito un processo mediatico”

  • Tre arresti cardiaci dopo il parto. Giovane mamma salentina muore all’ospedale di Oderzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento