Rotundo: "Perrone e Tondo ancora non dicono la verità"

Su "Iskenia" Il candidato del centrosinistra replica alla conferenza stampa convocata dal centrodestra: "Non hanno garantito alla città che i terreni rimarranno a destinazione agricola"

La polemica non sembra ovviamente destinata a bloccarsi. Semmai, ad alimentarsi ulteriormente. E infatti, sul caso "Iskenia" puntuale arriva la contro-replica di Antonio Rotundo, candidato sindaco per il centrosinistra. "Mi vedo costretto a replicare a quanto Paolo Perrone e Angelo Tondo sono andati a raccontare ieri ai cittadini, in risposta alle mie richieste di chiarimento e trasparenza sulla vicenda Iskenia. Sono certo che entrambi non dubiteranno del fatto che una trentennale esperienza politica mi renda edotto sul dato che l'approvazione del Documento programmatico preliminare non è il Piano urbano generale definitivo, ma è stato comunque il primo passo obbligatorio, come prescrive la legge, per ottenere il cambio di destinazione d'uso dei terreni di proprietà Iskenia.

"È stata data alla città una risposta puerile e reticente", prosegue Rotundo. L'approvazione del Documento programmatico in Consiglio comunale è il primo passaggio, obbligatorio e vincolante, per rendere edificabili quei terreni con le destinazioni d'uso che ho segnalato ieri. Tutta la città parla di questa vicenda: i cittadini, e non solo io, da mesi sentono puzza di bruciato, tra silenzi e bugie".
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mai una parola chiara e definitiva", prosegue i deputato dei Ds. "Ieri Tondo e Perrone, per fugare ogni dubbio, dovevano fare solo una cosa: garantire e rassicurare la città che, in caso di vittoria del centrodestra, i terreni in questione rimarranno a destinazione agricola e convocare immediatamente, e comunque prima delle elezioni, la società Iskenia. Questi impegni non sono stati presi. Io, come è scritto a chiare lettere nel mio programma, in quell'area realizzerò un grande parco pubblico. Una speculazione edilizia diventerà per i cittadini un luogo di serenità e gioia. E per una volta - conclude - gli interessi dei soliti noti saranno sconfitti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento