Sfratto di via Vecchia Surbo, Rotundo presenta interrogazione urgente

L'esponente del Partito democratico ha chiesto alcuni chiarimenti al sindaco di Lecce, Paolo Perrone, sull'assegnazione di un alloggio in via Pistoia ai coniugi che dormono in strada, da un mese, dopo lo sgombero

Alloggi "parcheggio" in via Pistoia.

LECCE - Nella giornata di lunedì, i coniugi Ugo Mennuni e Iolanda Buffalino, avevano allertato gli agenti di polizia, a seguito di un litigio avvenuto con un uomo di origini montenegrine il quale, pensando fosse abbandonato, aveva sottratto loro il mobilio da via Vecchia Surbo, accatastato dopo lo sfratto di un mese addietro.

Il consigliere d'opposizione a Palazzo Carafa, Antonio Rotundo, ha presentato un'interrogazione urgente al sindaco della città, Paolo Perrone, chiedendo interventi sulla vicenda.

"Da oltre un mese vivono in condizioni disumane, basta pensare al freddo e all’intemperie di questi giorni, in un furgone, dove sono depositate altresì mobili e suppellettili, in seguito allo sfratto per morosità eseguito dal privato,e che i tre figli si trovano presso alcuni parenti che li hanno ospitati.

Dalla stampa si è appreso che la famiglia sarebbe stata assegnataria di un alloggio popolare in via Pistoia e che quest'ultima  abitazione sarebbe stata occupata  abusivamente. Chiedo  di conoscere quali iniziative urgenti l'amministrazione comunale intenda adottare per dare una soluzione dignitosa alla drammatica situazione sopra rappresentata".

L'esponente del Partito democratico è interessa, a conoscere dettagli precisi sulle "reali motivazioni per le quali siano stati mandati in via Pistoia  e se risulti veritiera la circostanza secondo cui l'alloggio in questione sia stato occupato abusivamente".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

Torna su
LeccePrima è in caricamento