Estate, pochi rinforzi: "Così il Salento rischia di diventare il far west"

Il sindacato Sap denuncia organici della polizia in sofferenza. Fra malumori e massima allerta: "A Gallipoli soltanto nove agenti in più"

Poliziotti dentro Gallipoli (repertorio).

LECCE – L’estate è alle porte ma gli agenti della polizia di Stato cominciano già a sudare freddo. La popolazione cittadina di alcune località balneari particolarmente rinomate (da Gallipoli a Otranto, da Leuca a Porto Cesareo) raddoppia o triplica durante le settimane centrali delle ferie stagionali; migliaia di turisti si riversano sulle spiagge e nei centri storici e la sicurezza di tutti è fortemente a rischio.

Il nodo centrale del problema è nella condizione di sottorganico dei commissariati locali che sono in forte sofferenza. Il ministero dell’Interno ha predisposto un piano di rinforzo nelle località balneari che, però, a detta del sindacato Sap, è del tutto insufficiente.

“Negli ultimi anni i commissariati hanno visto l’arrivo di una decina di poliziotti nei mesi di luglio e agosto – spiega il sindacalista Carlo Giannini – ma nell’estate 2017 questo numero è stato ulteriormente ridotto: verranno inviate 9 unità di personale ordinario solamente a Gallipoli”.

L’iniezione di poliziotti, secondo le stime di Giannini, basterà appena per rimpiazzare gli agenti in ferie. Per il resto la situazione desta preoccupazione: “Mancano gli agenti della polizia stradale che sono impegnati in un super lavoro sulle strade. Con questi numeri sono a rischio i controlli per la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti: non riusciremo ad assicurare il pattugliamento 24 ore al giorno – aggiunge lui -. E  non oso immaginare come riusciremo a gestire la situazione a Gallipoli in agosto con i ragazzi in stato di alterazione all’uscita delle discoteche, che si riversano come dei proiettili sulle arterie provinciali”.

“Nel 2016 all’allora ministro Alfano aveva garantito un rinforzo di cento uomini ma ne sono arrivati appena 38 a Gallipoli. Questa cifra si è ridotta ulteriormente e la situazione è divenuta insostenibile: rischiamo di trasformare il Salento in un far west ed il problema non può essere risolto spremendo gli organici ordinari”, denuncia ancora il referente del Sap.

Le forze di polizia, infatti, si sono indebolite per effetto dell’età media piuttosto avanzata (gli agenti hanno compiuto mediamente 50 anni), per via del blocco del turn over ed i tagli al comparto e, dulcis in fundo, al personale bisogna garantire i giorni di riposo.

Giannini fornisce un paragone eloquente: “A Rimini, mecca italiana del divertimento, verranno inviate oltre 94 unità ripartite tra le varie squadre, compresa la squadra nautica che utilizza gli acqua scooter e le pattuglie a cavallo. E la città romagnola ormai registra un numero di turisti inferiore rispetto a Gallipoli”.

“Non possiamo sopportare oltre questo carico di lavoro: chiediamo alle istituzioni ed al prefetto di Lecce in primis, Claudio Palomba, di intervenire con urgenza prima di ritrovarci alle prese con orde di ragazzi ingestibili e controlli azzerati”, conclude il Sap. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (23)

  • Eppure lo sanno che c'è bisogno di presidiare il territorio...si prevede un estate bollente....e....A GALLIP0LI TUTTO PUO' SUCCEDERE....

  • Ah bene.. adesso sono i sindacati a lamentarsi e a battere i pugni (farsa come sempre) per questo dato di fatto!!! Per questa situazione di sottorganico che loro stessi hanno creato, avallato e sostenuto!!! Siamo alle soglie del ridicolo, della sceneggiata napoletana, al solito giochetto che fanno da anni.

  • E' pur vero che la quantità conta, ma anche la qualità di quelli presenti che aspettano fine mese....

  • Male molto male...da Gallipolino,una volta,molti anni fa,innamorato del mio paese,ora mi vergogno a dire di essere tale e appena posso scappo via...da questa vergogna...ogni anno di male in peggio!!!

  • Tutto ciò riguarda anche medici e infermieri. Il primo problema è la questione meridionale: non contiamo Nulla. Alle località del nord centinaia di persone in più , qui nemmeno qualche decina. Senza contare il personale delle grandi città del nord che si svuotano durante l'estate. Basterebbe trasferire in estate una parte di volontari che porterebbero le famiglie nei luoghi di origine (senza prendere ferie). Il secondo problema è costituito dagli affitti e attività commerciali in nero che non facendo incrementare la popolazione, non fanno scattare in automatico le segnalazioni di aumento di personale. Per stimare gli aumenti si usa l'energia elettrica consumata e i cellulari. La cosa importante è fare guadagnare decine di migliaia di euro in nero a pochi e dare a tutti i restanti solo il disagio di un turismo che, al primo controllo a tappeto fiscale, tornerà ai numeri di dieci anni fa.

  • Siamo abituati noi gallipolini, da Santa Cristina al 20 agosto sigillati in casa con i condizionatori a palla. Quando i vichinghi se ne andranno, e i nostri cari (im)prenditori turistici saranno tutti in vacanza ai caraibi o alle maldive, ci riapproprieremo della nosra citttadina. Ah sindaco, come si sta in Argentina? Ottimo periodo per prendersi una vacanza eh, non ci sta niente d'importante da fare tanto no?  

    • Quindi sarebbe colpa del sindaco,se la polizia aumenta di sole nove unità,rispetto alla decuplicazione della popolazione residente. Un buon corso di lettura e comprensione del testo non ci starebbe male,intanto che si sta chiusi in casa......

    • Luigia, scusami ma avrei qualcosa da ridire su ceppo di appartenenza dei "vikinghi". Io non sento accento gaelico, ma partenopeo e romanaccio, con qualche contorno di barese.

  • MANDATECI GLI UOMINI DELL'ESERCITO....questa...non può diventare diventare terra di far west.tagliate i vostri stipendi,POLITICANTI da quattro soldi.

  • Non bisogna votare mai più! tanto qui,non cambia nulla di nulla! centro destra o centro sinistra sono tutt'uno! INCIUCIATI......sanno solo prendere per il deretano la gente.BASTA,non se ne può più.NON VOTO PIU'.

  • mbe intanto hanno messo in salvo il centro storico. con il nuovo sistema di sicurezza dei parcheggi stiamo tutti tranquilli , tantu nu ci trase ciujeddhrri!!!!!!

  • RISCHIA? lo è già da troppo tempo. abbandonati a noi stessi.

  • Servono controlli in tutto, in particolare con questi affitti a nero oltre che spaccio etc etc

  • Dedicato a chi crede che siano i locali a scatenare i problemi di ordine pubblico......

    • Non è un problema di locali o discoteche, ma di "qualità" degli ospiti. Non sono un razzista, ma se su 100 giovani che arrivano a Gallipoli, 80 hanno l'inflessione dialettale di sole due o tre regioni, dove è purtroppo risaputo che l'educazione media dei giovani è molto carente e in una scala di valori da uno a dieci, non raggiungono la sufficienza, allora c'è da prevedere che la loro massiccia presenza possa creare problemi di ordine pubblico. Parlo con cognizione di causa...e so quel che dico.

      • Appunto! E' con le forze dell'ordine che si combatte la mancanza di ordine pubblico. Se si combatte il malcostume che serpeggia in ogni estate gallipolina,quei locali rimarranno, e la categoria (insieme alla cadenza dialettale) varierà sensibilmente.

  • Alla prima rissa vedrai i morti per terra. Signor Prefetto questo è un vero e proprio fallimento. I cittadini residenti e i turisti hanno bisogno di sicurezza.

  • Poveri gallipolini, preparate le barricate e fate riserva di viveri per il lungo assedio dei barbari. Munitevi di potenti tranquillanti e tappi per le orecchie. E se alle tre di notte vi balleranno la pizzica al piano di sopra o vi canteranno a squarcia gola "u sole mio", evitate di chiamare i centralini, perchè di chiamate come la vostra ne arriveranno a decine. Grazie tante alla solita troika che si augura pubblicamente che l'Italia ce la faccia...(e se non ce la fa andiamo tutti a casa loro) e agli incoscienti che tirano le redini del Carrozzone.

  • a Lecce sono anni che lo ripetono ed è palese che la situazione è diventata insostenibile. ESERCITO a questo punto, almeno li impieghiamo in qualcosa di utile.

  • Ma scusate : perché non impiegare, almeno per quei tre mesi, uomini e mezzi dell'esercito da affiancare alla polizia? Almeno fanno qualcosa...

    • almeno fan qualcosa è anche vero....in quanto è noto che questi non fanno un cavolo purtroppo questi non hanno una preparazione atta al controllo del territorio o nel reprimere atti delinquenziali....vi immaginate una pattuglia dell'esercito che deve collaborare con la polizia stradale per i controlli stradali??? vi immaginate un maresciallo dell'esercito alle prese con un gallipolino o un barese in trasferta....verrà distrutto in un attimo. in qualche città tipo roma, bari etc etc si vedono in centro fuoristrada con due soldatini annoiati e/o dormienti che non vedono l'ora di andarsene e senza fare niente e intorno l'attività illegale continua come se niente fosse. non penso che la situazione delinquenziale drammatica del salento si possa risolvere così.

      • L'esercito è stato già impiegato in pattuglie miste con i CC. Senza alcun problema. Diciamo che nel DNA bolscevico, anche se annacquato, l'Esercito non è visto di buon occhio.

      • Sì siamo d'accordo sig . Colonna, ma dovrebbero stare solo come affiancamento ad un agente esperto. Non penso poi che serva tutta questa preparazione... Già la presenza potrebbe scoraggiare eventuali criminali oppure di supporto a chi si trova in situazioni di aiuto

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Terribile impatto all'ingresso del Rauccio, due morti e quattro feriti

  • Cronaca

    Colto da malore mentre fa il bagno, muore annegato un uomo

  • Incidenti stradali

    Investito mentre attraversa la strada, 79enne muore dopo tre giorni

  • Cronaca

    Realizza su suolo comunale un parcheggio di 120 metri quadri, nei guai

I più letti della settimana

  • Terribile impatto all'ingresso del Rauccio, due morti e quattro feriti

  • Timbravano il badge e poi uscivano a fare spese o a giocare alle slot

  • Investito mentre attraversa, avvocato in Rianimazione con fratture

  • Feriti due ragazzi: tamponano nel buio una cavalla fuggita da un centro

  • Camion in retromarcia travolge anziano turista: morto sul colpo

  • Blocco delle telefonate in entrata, al posto del 118 diffusi numeri alternativi

Torna su
LeccePrima è in caricamento