Si sblocca la riqualificazione delle marine di Alliste, Racale e Taviano

Pronto a partire il programma di recupero dei paesaggi costieri a sud del litorale di Gallipoli. Respinto dal Tar di Lecce un ricorso

Panoramica di Mancaversa.

ALLISTE - Mentre sul litorale di Gallipoli tornerà operativo il cantiere per i lavori di riqualificazione della zona della Baia Verde, buone nuove arrivano anche per il programma integrato di ammodernamento dei paesaggi costieri, che si estendono lungo la dorsale delle marine di Taviano, Racale e Alliste, per il quale il Tar di Lecce ha dato il via libera all’avvio degli interventi. Il progetto di riqualificazione rientra nel programma complessivo  di rigenerazione costiera finanziato dalla Regione Puglia con oltre due milioni di euro e di cui è capofila il Comune di Gallipoli che ha proceduto nei mesi scorsi alla stesura dei relativi bandi e all’aggiudicazione delle gare.

Proprio la gara d’appalto relativa alla riqualificazione costiera delle marine di Alliste, Racale e Taviano, era finita sotto la lente dei giudici amministrativi in seguito ad un ricorso proposto da una delle  ditte partecipanti, la Morello di Caprarica. Con una sentenza  depositata nella giornata di ieri presso la cancelleria, il Tar ha definito il primo atto del contenzioso per l’appalto dei lavori giudicando legittima l’aggiudicazione alla Geo Impianti di Taviano. 

Una volta concluso l’iter di gara la società Morello, giunta al secondo posto della graduatoria, aveva deciso di ricorre al tribunale amministrativo perché, a suo avviso, le soluzioni progettuali offerte dalla Geo Impianti avrebbero modificato in modo inammissibile il progetto a base d’asta. I ricorrenti dunque  avevano contestato gli esiti della procedura e sostenuto l’illegittimità del giudizio espresso dalla commissione di gara, la quale aveva premiato proprio le soluzioni progettuali offerte dalla ditta Geo Impianti, risultata aggiudicataria. Procedura legittima invece per il Tar che ha rigettato le tesi della società ricorrente e confermato la bontà tecnica e il pregio qualitativo delle proposte migliorative della Geo Impianti, assistita in giudizio dai legali Ernesto Sticchi Damiani e Antonio Caiffa. Per difendere la legittimità dell’aggiudicazione si erano costituiti in giudizio anche i Comuni di Gallipoli e di Taviano, rispettivamente difesi dagli avvocati Anita Stifanelli e Luigi Spedicato e Alberto Longo.

Già con la definizione della recente sentenza le amministrazioni comunali del litorale ionico possono ora disporre l’avvio dei lavori, i quali, salvo ulteriori contenziosi giudiziari, dovrebbero essere ultimati in tempo utile per l’avvio della prossima stagione estiva e interesseranno, in particolare, la piazza di Mancaversa e Torre Suda e la cala di Torre Sinfonò nella marina di Alliste.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

  • Positivo a sostanze psicotrope, arrestato giovane che ha investito il belga

  • Violento schianto sulla 275: vigilante prima finisce con l'auto su un palo, poi si scontra con una vettura

Torna su
LeccePrima è in caricamento