Divennero consiglieri sette mesi dopo il voto: Tondo e Monosi risarciti con mille euro

Il Tar di Lecce ha accolto parzialmente il ricorso presentato dall'avvocato Pietro Quinto. Riconosciuto il nesso tra errore della commissione e danno, ma non la natura patrimoniale

LECCE – Attilio Monosi e Angelo Tondo, esponenti del centrodestra leccese, dovranno essere risarciti con mille euro dal ministero dell’Interno. Lo ha stabilito il Tar di Lecce accogliendo, ma solo parzialmente, il ricorso presentato dall’avvocato Pietro Quinto.

La vicenda parte dall’attribuzione del premio di maggioranza alla coalizione che aveva sostenuto Carlo Salvemini nelle elezioni del 2017, nonostante il centrodestra avesse ottenuto, come voti di lista, il 50.2 per cento. I candidati al consiglio comunale esclusi dall’assise cittadina dalla decisione della Commissione Elettorale, aprirono quindi un contenzioso terminato poi, all’inizio del 2018, con la cosiddetta “anatra zoppa”, cioè con la convivenza tra un sindaco di uno schieramento e una maggioranza della parte avversa.

Tra i consiglieri riabilitati prima dal Tar e poi dal Consiglio di Stato c’erano anche Angelo Tondo e Attilio Monosi in nome dei quali Quinto ha chiesto il risarcimento relativo alla lesione di un diritto costituzionalmente garantito, cioè lo svolgimento di un incarico pubblico. Il tribunale leccese ha dunque riconosciuto il danno “consistente nella compromissione del diritto al pieno sviluppo della personalità umana” e invididuato un nesso di causalità con l'errore della commissione. Il Tar però non ha ammesso la natura patrimoniale del danno, stabilendo in via equitativa un risarcimento di mille euro che gli interessati devolveranno in beneficienza.

“Si è trattato di una battaglia di principio –ha commentato Pietro Quinto - che assume una rilevanza di carattere generale a tutela del diritto di elettorato passivo di tutti i cittadini ma soprattutto perché afferma la responsabilità delle Commissioni Elettorali, che, in tutti i procedimenti amministrativi e non solo per le elezioni negli enti locali, devono garantire il rispetto delle regole procedimentali e sostanziali a tutela dell’interesse pubblico”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Glieli darei io 1000 euro pur di non rivederli mai più, altrimenti c'è sempre qualche menomato che ha il coraggio di votarli

  • Ma quale beneficenza, arranfano con gli artigli fino all'ultimo centesimo di soldi pubblici

  • Certo....questione di principio e di beneficenza. . . . . . . quella che da sempre fanno a se stessi con i soldi dei cittadini. ... .... ..... .... Visti e rivisti .....

  • X 1000euro senza vergogna....complimenti ancora ai politici del centro destra.....E mi raccomando votateli ancora nelle prossime elezioni comunali....ops monosi nn si candiderà......forse

  • devolveranno tutto in beneficenza Però intanto hanno intasato il TAR solo per una questione di principio

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Politica

    Frazione organica, ritiro a singhiozzo: le buste devono essere compostabili

  • Attualità

    De Candia e Leandro, memoria a rischio: le loro opere molto copiate dai falsari

  • Cronaca

    Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

  • Carne conservata male e lavoratori in nero: maxi multa a un negoziante

Torna su
LeccePrima è in caricamento