homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Solidarietà ai tre cittadini interessati da decreto di condanna per manifestazione anti "Piano Silletti"

Maurizio Buccarella Portavoce M5S Senato "Tutti i Portavoce pugliesi del Movimento 5 Stelle

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

 Maurizio Buccarella Portavoce M5S Senato "Tutti i Portavoce pugliesi del Movimento 5 Stelle (comunali, regionali e parlamentari) esprimono la loro solidarietà e vicinanza ai tre cittadini di Torchiarolo a cui il 22 dicembre u.s. è stato notificato un decreto penale di condanna del GIP del Tribunale di Brindisi, con la contestazione del reato di aver promosso e partecipato ad una riunione in luogo pubblico per manifestare contro il cd. “Piano Silletti bis” di eradicazione degli ulivi, senza averne dato preventivo avviso al Questore, manifestazione spontanea e pacifica che ha avuto luogo il 10 novembre 2015 a Torchiarolo e che interessò buona parte della comunità torchiarolese. Essendo già stata proposta tempestiva opposizione al decreto penale, confidiamo, insieme ai diretti interessati ed a tutta la comunità dei cittadini ed olivicoltori del Comune del brindisino, che la Giustizia accerterà l’insussistenza di ogni ipotesi di reato e che quindi il Tribunale di Brindisi, chiamato a giudicare, scriverà a tempo debito una esemplare pagina di verità, dando conto, oltre che delle sacrosante prerogative di libertà di manifestazione e di espressione pacifica della cittadinanza del proprio pensiero anche a fronte di impianti normativi risalenti al periodo fascista, della legittima e - si ribadisce, totalmente pacifica –reazione dei territori contro iniziative sovraordinate volte a incidere brutalmente e senza ragionevolezza sull’ambiente e sulla stessa economia degli agricoltori già interessati dal “Piano Silletti”, Piano come noto già momentaneamente sospeso dall’Autorità Giudiziaria penale del Tribunale di Lecce in esito al sequestro preventivo, già convalidato." I PORTAVOCE PUGLIESI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Torna su
LeccePrima è in caricamento