Trasporti, Poli a Di Pietro: "Non scordarti il Salento"

Il coordinatore regionale di An: "Va bene la Tav Bari-Napoli, ma ci sarebbero anche la direttrice Lecce-Taranto ed il miglioramento dei collegamenti dal Salento con porto e aeroporto di Brindisi"

Adriana Poli Bortone-4
Trasporti, stoccata di Adriana Poli Bortone, in qualità di coordinatore regionale di An, al ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro. "Le rassicurazioni del ministro sulla realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Bari-Napoli ci inducono a chiedere al Governo se questo sia l'unico simbolico intervento previsto per le infrastrutture dei trasporti che riguardano la Puglia ed il Mezzogiorno". La questione giunge a margine dell'annuncio sulla Tav Bari-Napoli e della firma posta nei giorni scorsi a sigillo di un accordo per il riassetto del nodo ferroviario di Bari.

"Va bene la Tav Bari-Napoli ed il nodo ferroviario di Bari - sottolinea Adriana Poli Bortone - ma ci piacerebbe sapere se gli interventi specifici ulteriori di cui parla il ministro in riferimento all'agenda del Governo riguardino in maniera più estesa il territorio pugliese. Vorremmo capire, ad esempio, se è previsto il potenziamento della direttrice stradale che lega Lecce all'area di Taranto e quindi alla Basilicata o di quella ferroviaria Matera-Ferrandina-Salerno. Oppure il miglioramento dei collegamenti tra il Salento ed il porto e l'aeroporto di Brindisi".

"Al Mezzogiorno e alla Puglia - conclude il coordinatore pugliese di Alleanza nazionale - probabilmente serve la programmazione di una piattaforma logistica dei trasporti su base regionale ed interregionale, più che la realizzazione, semmai dovesse farsi, di una grande e solitaria opera infrastrutturale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento