Ufficializzato il candidato del M5S: Baglivo parte della politiche energetiche

Dal quartier generale dei pentestellati via libera per il medico in servizio al "Vito Fazzi". La prima idea è di puntare sulla diffusione del fotovoltaico

Arturo Baglivo.

LECCE - Il M5S ha comunicato in via ufficiale la candidatura di Arturo Baglivo, medico in servizio al "Vito Fazzi"per la carica di sindaco di Lecce. Il via libera è arrivato in giornata dal quartier generale pentastellato, all'esito delle verifiche predisposte del regolamento interno. Pronta anche la lista degli aspiranti consiglieri comunali: tutta la pattuglia sarà presentata in una conferenza stampa di prossima convocazione.

Intanto Baglivo ha scelto come primo tema quello della politica energetica: "Uno dei capisaldi del programma del M5s e una delle carenze di Lecce sotto le legislature Poli, Perrone e Salvemini. Una illuminazione dignitosa delle periferie, della rete stradale e delle piste ciclabili; passaggi pedonali illuminati adeguatamente (che ridurranno gli incidenti); un’illuminazione efficiente in tutte le aree della città a rischio microcriminalità”. 

“Occorre un progetto organico per ripensare la città in maniera sostenibile – ha spiegato Baglivo in una nota - utilizzando fondi regionali ed europei che consentano l'installazione del fotovoltaico in tutte le aree comunali. Non sono più pensabili rotatorie senza pannelli fotovoltaici, non sono più concepibili viali senza la produzione gratuita di energia. Per l'installazione saranno privilegiati i tetti delle strutture comunali. Penso, ad esempio, alle scuole, in cui ogni anno si lamenta il deficit di riscaldamento nei mesi invernali e il gran caldo nei mesi estivi. Un programma di conversione a energia rinnovabile consentirà, a fronte di un investimento inziale, un bilancio in positivo nell'arco di dieci anni. Non è più pensabile, in un territorio che più di altri può contare sulla risorsa sole, il mancato utilizzo dei pannelli per il riscaldamento e di fotovoltaico da immettere in rete per l'abbattimento dei costi. Non è plausibile che le strutture comunali consumino energia e sprechino risorse".

Per il candidato pentestellato, che ha 56 anni e che nel 2017 era nella lista a supporto di Fabio Valente, l'effetto virtuoso è garantito: "Lecce può produrre ricchezza e reddito con la prospettiva di abbattere i consumi comunali e di conseguenza poter reinvestire i proventi in migliorie e nella riduzione progressiva degli oneri a carico dei cittadini. Lecce si deve trasformare in una città più green. Coinvolgeremo Arca Sud in progetti di installazione del fotovoltaico mirato ad abbattere i costi energetici per chi, con difficoltà di reddito, può ridurre le spese per l'energia domestica e attueremo la Legge regionale sul reddito energetico, di recente approvata grazie al lavoro dei nostri portavoce regionali". Baglivo ha infine assicurato che il reperimento dei fondi avverrà di concerto con il ministero per il Sud, guidato da Barbara Lezzi.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Il silenzio è una cura, fa bene a corpo e mente: ottimi motivi per tacere

  • “Non lasciamo gli anziani soli in casa”: appello degli psicologi pugliesi

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento