Un museo nella casa di Aldo Moro e riqualificazione della piazza. Comune spera nei fondi

L’amministrazione del sindaco Toma ha presentato il progetto di ammodernamento della piazzetta Caduti di via Fani e di recupero della casa natale dello statista e punta al finanziamento della Regione

MAGLIE – Dopo il via libera al progetto definitivo, licenziato dalla giunta comunale il 15 gennaio scorso, l’amministrazione comunale di Maglie confida nel sostegno economico della Regione Puglia per dar vita ad un importante interevento di riqualificazione di un’area significativa del borgo antico. Si tratta nelle specifico del piano di ammodernamento della piazzetta Caduti di via Fani (compresa tra via Lama e via San Giuseppe) e del recupero statico e funzionale della casa natale di Aldo Moro da destinare a museo permanente. Un programma di riqualificazione che tiene conto di diversi aspetti sui quali l’amministrazione del sindaco Ernesto Toma è impegnata da tempo: la cultura, il turismo e la vivibilità dei luoghi. I dettagli del progetto, seguito dall’architetto comunale Giovanni Guido in qualità di responsabile unico del procedimento, sono stati illustrati dal primo cittadino e dall’assessore all’Urbanistica e arredo urbano, Franca Giannotti.

“La cultura per la nostra città è inscindibile dalla figura di Aldo Moro” ha rammentato il sindaco Toma, “e il turismo è strettamente collegato con tutti gli eventi culturali. E infine, una migliore fruibilità degli spazi e degli eventi culturali, coincide con una migliore vivibilità della città che li ospita. “Questo progetto, se approvato dalla Regione, come ci auguriamo” ha concluso il primo cittadino, “ci consentirebbe di fare un ulteriore passo in avanti verso la pedonalizzazione del centro storico magliese, gioiello e salotto dell’arte e della cultura salentina”. Il piano di riqualificazione prevede una spesa di 1 milione e mezzo di euro che il Comune intende reperire candidando il progetto ai finanziamenti legati all’avviso pubblico della Regione per la “selezione di interventi strategici per la fruizione di aree e di infrastrutture finalizzati prioritariamente al miglioramento della qualità dei sistemi e dei servizi di accoglienza nel settore turistico”.

Le opere principali, oltre al recupero della casa natale dello statista magliese, riguarderanno l’estensione dell’area pedonale e della ztl e l’eliminazioni della zona del parcheggio di via Lama e la sistemazione della pavimentazione con basoli e nuovo arredo urbano.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • “Non lasciamo gli anziani soli in casa”: appello degli psicologi pugliesi

  • Il silenzio è una cura, fa bene a corpo e mente: ottimi motivi per tacere

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

  • Follie ferragostane: una trentina di soccorsi a ubriachi e rissa a bottigliate

Torna su
LeccePrima è in caricamento