I piatti dell'estate, orecchiette alla crudaiola

Si gustano a temperatura ambiente ideali per la calura estiva, profumate di pomodoro e rucola selvatica ed insaporite dal cacioricotta

Foto Maya Ciraci
Orecchiette alla crudaiola

Si gustano a temperatura ambiente ideali per la calura estiva, profumate di pomodoro e rucola selvatica ed insaporite dal cacioricotta

Ingredienti per 4 persone:

300 g di semola di grano duro
100 g di farina di orzo o farro
300 g di pomodorini
un mazzetto di rucola
100 g di formaggio cacio ricotta
1 spicchio d'aglio (facoltativo)
sale
olio extravergine di oliva

Preparazione:

versate sulla spianatoia le due farine e miscelatele con cura. Aprite al centro e versate l'acqua poco alla volta. Con le mani raccogliete pian piano la farina e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo, morbido, ma non appiccicoso. Lavorate premendo più volte il palmo sull'impasto e schiacciandolo sul piano da lavoro.
Ricavate dei filoncini con diametro di circa 1 cm e ritagliate tanti tocchetti sempre di 1 cm.
Con l'aiuto di un coltello senza lama e dalla punta arrotondata scavate i tocchetti di pasta trascinandoli, sembreranno dei cavatelli chiusi, rigirateli su di un dito e date la classica forma di cupoletta (orecchietta).

Lasciate asciugare su di un vassoio spolverizzato con altra semola per qualche ora, meglio tutta una notte.

Preparate in una ciotola capiente il condimento, lavate e tagliate i pomodorini in due, eliminate i semini interni, l'aglio a fettine sottilissime, la rucola spezzettata con le mani, sale o olio. Lasciate un'oretta ad insaporire.

Cuocete in abbondante acqua salata le orecchiette. Scolatele e riversatele nella ciotola con il condimento, mescolate e lasciate intiepidire.
Prima di servire aggiungete il formaggio grattugiato o a scaglie.
Tempo di preparazione della pasta: 40' c.
cottura: 10' c.
difficoltà: media
stagioni consigliate: primavera-estate

Vino consigliato:
Salice Salentino Rosso Doc
Variante:
sostituite il cacioricotta con cubetti di feta e la rucola con olive greche.
Curiosità:
il cacioricotta, inserito nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della provincia di Lecce, è un formaggio stagionale che abbraccia due tecniche di lavorazione quella del formaggio (cacio) e quella della ricotta. Ottimo fresco appena pronto ma anche stagionato già dopo quindici, venti giorni da grattugiare, eccezionale sulla pasta al sugo. Ha una tipica forma piccola e rotonda circa 10 cm di diametro con il bordo intagliato a strisce dalle impronte delle fiscelle dove viene riposto (http://www.cookingexperience.it/food/ita/felicita.html).

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • I rimedi fai da te contro la micosi alle unghie

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Scontro fra più veicoli sulla statale 274, muore donna travolta da un autocarro

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Affiancato e minacciato con pistole, costretto a cedere la sua moto

  • Malore durante la gara, ispettore di polizia si accascia e muore

  • Suv fuori controllo punta su di lei: con istinto felino la donna si mette in salvo

  • Tamponamento in un imbuto, surreale incidente nel cuore della città

Torna su
LeccePrima è in caricamento