La puccia con olive

Apriamo un nuovo ed importante capitolo quello sul Pane con una delle ricette tradizionali più amate

www.flaviomassari.it-8
Apriamo un nuovo ed importante capitolo quello sul Pane con una delle ricette tradizionali più amate. Tutte le varianti sono espedienti per utilizzare quelle molliche di impasto che inevitabilmente rimanevano attaccate nella "mattrabanca" e con un po' di fantasia e soprattutto con dell'ottimo olio si sfornava del pane sempre diverso dal sapore unico.

Ingredienti:
500 g di farina di grano duro
25 g di lievito di birra
sale
acqua
olio extravergine di oliva
200 g di olive nere varietà Cellina di Nardò

Preparazione:
Versate la farina sul piano da lavoro e aprite a fontana. Sciogliete il lievito in un bicchiere d'acqua leggermente intiepidita e usatelo per impastare la farina, raccogliendola tutt'intorno. Impastate energicamente, inserendo il sale poco prima di aver esaurito tutta la farina.

L'impasto, pian piano, da appiccicoso diventerà elastico ed occorrerà sbatterlo sul tavolo più volte, operazione simile al pane. Lasciate lievitare in un luogo abbastanza caldo, coprendo l'impasto, per circa 3 ore, dovrà raddoppiare di volume.

Riprendete la pasta, aprite leggermente e inserite le olive con le mani ben unte di olio, aggiungete ancora poco olio e lavorate, l'impasto ottenuto sarà ben oleato e morbido.

Formate dei panetti tipo grosse pagnottelle che adagiarete su una teglia da forno sempre unta d'olio, distanziandole. Infornate in forno molto caldo anche 240 °C per circa 20', comunque fino a cottura. Sfornate e lasciate raffreddare.

Tempo di preparazione: 30'
lievitazione: 3h min.
cottura: 20' c.
difficoltà: media
stagione consigliata: tutte

Vino consigliato: Salento Igt Negroamaro Rosso

Curiosità: la puccia è una tipica pagnottella del Salento, zona che vanta un'antica tradizione sul pane. Quella chiamata propriamente "Puccia" è di forma rotonda e piuttosto alta, senza condimenti, ben infarinata per ricordare la purezza della Madonna ed è, infatti, tradizionalmente preparata per la vigilia dell'Immacolata. Quelle con l'olio e le olive sono conosciute con il nome di "Uliate", tipiche della zona della Grecìa Salentina. Troviamo ancora i "Pizzi" con cipolla, pomodori da pendola e olive, le "Cucuzzate" con le zucchine e le "Scleblasti", dal griko senza forma, con zucca, zucchine, capperi, olive, cipolla e peperoncino fino ad arrivare alle dolci "Passulate" con uva passa, mandorle e noci (http://www.cookingexperience.it/food/ita/felicita.html).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento