Lampasciòni fritti con la pastella

Chiamati in tanti modi "Pampasciuli, Cipollaccio, Cipollaccio col fiocco, Lampaggioni", quando proverete per la prima volta questi bulbi non avrete dubbi, li amerete o li odierete per sempre

foto www.flaviomassari.it

 

Chiamati in tanti modi “Pampasciuli, Cipollaccio, Cipollaccio col fiocco, Lampaggioni”, quando proverete per la prima volta questi bulbi non avrete dubbi, li amerete o li odierete per sempre.

Ingredienti per 4/6 persone:

600 g di lampasciòni

per la pastella:

2 cucchiai di farina

1 uovo

poca acqua

sale

pepe

olio extravergine d'oliva

Preparazione:

pulite i lampasciòni eliminando con un coltellino le prime due o tre pellicine esterne secche e terrose e l’eventuale gemma.

Lavate accuratamente sotto acqua corrente e lasciate in ammollo in acqua fredda almeno per un paio d’ore per attenuare l’amarognolo caratteristico e cambiando l’acqua 2/3 volte.

Portate a bollore dell’acqua salata e lessate le cipollette al dente. Controllate la cottura con uno stecchino di legno, che dovrà penetrare con una certa resistenza.

Scolate, lasciate freddare e volendo schiacciatele leggermente con una forchetta.

Preparate la pastella sbattendo l’uovo con sale, pepe, la farina e poca acqua.

Passate le cipollette nella pastella e friggete in olio bollente, rigirandole una volta.

Asciugate su carta assorbente.

Servite subito.

Tempo di preparazione: 30’

ammollo: 2h min.

cottura: 20’

difficoltà: bassa

stagione consigliata: primavera

Birra consigliata: birra artigianale pugliese stile Blanche  

Variante: la pastella può essere preparata con la birra, la stessa consigliata, le cipollette si gonfieranno leggermente durante la frittura.

Curiosità: in uso da tempi molto lontani sono menzionati in alcuni antichi testi anche per le loro presunte proprietà afrodisiache.

Questi bulbi crescono interrati ad una certa profondità circa 20 cm, prediligendo terreni coltivati, si presentano ai nostri occhi come delle piccole cipollette tonde, ricoperte da vari strati di pellicine, con sfumature dal viola al rosa, le foglie fuoriescono dal terreno a ciuffi  strette e lunghe ricadenti verso il basso, il loro sapore caratteristico è decisamente amarognolo ed è consigliabile prelevarli prima della fioritura. Maggiormente diffusi nel sud Italia in particolare in Puglia e in Calabria si è avviata anche la coltivazione.

Il costo elevato è giustificato dalla difficoltà nell’estrazione che avviene manualmente con il supporto di un’apposita zappetta. In commercio si trovano anche quelli coltivati provenienti dall’Africa ad un prezzo più basso ma differenti nel sapore da quelli selvatici.

Si possono preparare ad insalata, fritti con o senza pastella, alla genovese, alla brace, sotto la cenere, alla purgatorio e in conserva in olio o aceto. Si mantengono integri senza pulirli per diversi mesi.

Ad  Acaya, una frazione in provincia di Lecce, il primo venerdì di marzo ci sono i festeggiamenti in onore della Madonna Addolorata o “Madonna te li pampasciuni” (come vengono chiamati i lampasciòni nella zona).

Gli abitanti di questa piccola città fortificata riservano un autentico culto per questi bulbi, da alcuni anni, infatti, si svolge una vera e propria gara gastronomica a suon di Lampasciòni.

Nell’edizione del 2011 i piatti a base di lampasciòni che hanno meritato il podio sono stati: 3° classificato “Pampasciuni in umido”, 2° classificato “Pampasciuni con ossobuco di vitello” e infine il 1° classificato “Pampasciuni e funghi”.  Come non pensare......che giuria fortunata!

 

www.cookingexperience.it

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento