Orecchiette con le cime di rapa

Le orecchiette venivano addirittura preparate già nel Medioevo, in Provenza, con il grano duro di Francia. Giungono a noi ed in particolare in Basilicata e in Puglia, Sannicandro di Bari

 

Orecchiette con le cime di rapa

Ingredienti per 4 persone:

400 g di orecchiette

800 g di cime di rapa

4/5 filetti di acciuga sott'olio

1 spicchio d'aglio

peperoncino

sale

pepe

olio extravergine di oliva

Preparazione:

Nettate e lavate le verdure lasciandole in ammollo in acqua fino a quando le tufferete in acqua bollente salata in una pentola capiente.

Alla ripresa del bollore, ma anche prima se sono particolarmente tenere, aggiungete nella casseruola le orecchiette e proseguite fino a completarne la cottura, circa 8/10 minuti.

A parte in una padella con dell'olio rosolate lo spicchio d'aglio, il peperoncino e le acciughe che si scioglieranno completamente, un paio di minuti sul fuoco.

Scolate la pasta insieme alle verdure con una schiumarola e versate direttamente nella padella.

Eliminate l'aglio, regolate di pepe. Saltate la pasta pochi secondi e servite subito.

Tempo di preparazione: 30' c.

cottura: 15'

difficoltà: bassa

stagioni consigliate: inverno-primavera

Variante: nella versione salentina il piatto era arricchito con una spolverata di mollica di pane o di pangrattato leggermente tostati.

Vino consigliato: Brindisi Doc Rosso

Curiosità: le orecchiette con le cime di rapa è certamente il piatto che identifica la Puglia nel mondo.

Le orecchiette venivano addirittura preparate già nel Medioevo, in Provenza, con il grano duro di Francia. Giungono a noi ed in particolare in Basilicata e in Puglia, Sannicandro di Bari, è il primo paese dove le testimonianze di questa pasta sono tra le più antiche.

Ma la bontà di questo piatto, oltre le orecchiette rigorosamente fatte a mano, dipende proprio dalla varietà delle cime di rapa in base alla stagionalità, fino a metà autunno c’è la “Quarantina di Otranto”, in autunno la “Sessantina o Novantina di Nardò”, in inverno la “Natalina di Taviano” ed in primavera la “Marzarola o Rapa di marzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento