L'associazione "Amici di Nico" onlus, lancia la settimana per la consapevolezza dell'autismo

Mercoledì 4 aprile, si è svolta a Palazzo Adorno, la conferenza stampa “Autismo: più comune di quanto si pensi” in occasione della Settimana per la Consapevolezza dell'Autismo, organizzata dall'associazione "Amici di Nico" Onlus

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Mercoledì 4 aprile, si è svolta a Palazzo Adorno, la conferenza stampa “Autismo: più comune di quanto si pensi” in occasione della Settimana per la Consapevolezza dell'Autismo, organizzata dall'associazione "Amici di Nico" Onlus. All'incontro, moderato dalla referente del Centro territoriale di supporto di Lecce (Cts) Elisabetta Tundo, hanno preso parte il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’assessore al Welfare del Comune di Lecce Silvia Miglietta, la dirigente Ares Puglia e presidente del Consiglio comunale di Lecce Paola Povero, il responsabile UOC Neuropsichiatria Infantile Asl Lecce Angelo Massagli, il sindaco del Comune di Lizzanello Fulvio Pedone, e la presidente dell'Associazione “Amici di Nico” Onlus Maria Antonietta Bove. L’appuntamento è stato un momento di dialogo e di sensibilizzazione sul tema dell’autismo e sullo stato dell’arte riguardo le risposte concrete ai bisogni delle famiglie salentine e pugliesi. Ogni anno, la Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo istituita dalle Nazioni Unite nel dicembre 2007 ricade proprio con la data del 2 aprile. Negli ultimi 40 anni questa patologia è cresciuta di 10 volte. In Italia si registra un caso ogni 86 nati. Durante la mattinata, è stato anche presentato il calendario delle numerose iniziative che sono organizzate nei Comuni di Lizzanello (il 5 aprile) e San Cesario di Lecce (il 6 aprile). Il prossimo 7 aprile, pazza Sant'Oronzo ospiterà invece il “Live drum circle”, evento che colorerà di blu il cuore del capoluogo salentino.

Torna su
LeccePrima è in caricamento