Carenza di scorte di sangue nel Salento, l'Asl lancia un appello ai donatori

La richiesta del direttore del Servizio Immunotrasfusionale. Mancano in particolare i gruppi “0 positivo” e “A positivo”

LECCE – AAA, sangue cercasi. La richiesta arriva direttamente da Nicola Di Renzo, direttore del Servizio Immunotrasfusionale dell’Asl di Lecce. “Abbiamo bisogno di sangue per evitare che la carenza possa aggravarsi”, è il suo accorato appello, rivolto a tutti, a chi dona abitualmente e a chi si appresta a farlo per la prima volta.

Passata l’estate, infatti, si è arrivati a una riduzione delle scorte di sangue ed emoderivati per tutti i gruppi e, in particolare, per “0 positivo” e “A positivo”. Non solo Lecce e provincia, ovviamente, ne stanno soffrendo. In questo primo scorcio di settembre, il problema riguarda i servizi trasfusionali di gran parte della Puglia e, per certi gruppi sanguigni, di tutto il territorio nazionale.

Di Renzo chiede quindi alle associazioni dei donatori, che in estate hanno già compiuto uno sforzo encomiabile, di rinnovare l’impegno alla donazione e a farsi portavoce tra la popolazione, in particolare tra i giovani. L’Asl, oltre a invitare i donatori a partecipare alle raccolte straordinarie programmate periodicamente nelle piazze di tutto il territorio, ricorda che è sempre possibile recarsi nei Centri trasfusionali degli ospedali di Lecce, Gallipoli, Casarano, Copertino e Galatina, dove si effettua la raccolta ordinaria dal lunedì al sabato, dalle 8,30 alle 12,30.

Possono donare tutte le persone dai 18 ai 65 anni in buona salute, che non soffrano o abbiano sofferto di gravi malattie ai vari organi ed apparati, e che pesino più di 50 chilogrammi. Gli aspiranti donatori saranno poi valutati dal medico trasfusionista che deve stabilirne l'idoneità sulla base dell'anamnesi, dell'esame emocromocitometrico pre-donazione e dei risultati della visita medica.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Giorni fa sono andato a donare ho fatto più di 40 donazioni il mio gruppo è 0 RH +,ho compilato regolarmente il questionario come ogni volta,e mi sento dire dal dottore che non posso donare perchè mia moglie è portatrice sana di epatite B . Ho fatto notare al dottore che sono anni che dono, perchè prima potevo farlo ed ora non più?. Il dottore mi ha risposto che sono cambiate le regole . Preciso che , io e lei mie 2 figlie siamo risultati negativi all'epatite B e abbiamo fatto il vaccino 28 anni fa quando ancora era a pagamento. Ora io dico se c'è veramente bisogno di sangue perchè queste restrizioni ? oppure in questi casi di bisogno, come dicono , non si potrebbe chiudere un occhio sulle regole , se effettivamente ci sono?“

  • CAMBIATE GLI ORARIIIIII per le donazioni perché gravare sui datori di lavoro?e chi lavora per proprio conto deve perdere una mattinata con tutti gli impegni e burocrazia che si ritrova. Proposta orari: hr 8:00-12:00 la domenica o la sera dopo le 19

  • giorni fa sono andato a donare ho fatto più di 40 donazioni il mio gruppo è 0 RH +,ho compilato regolarmente il questionario come ogni volta,e mi sento dire dal dottore che non posso donare perchè mia moglie è portatrice sana di epatite B . Ho fatto notare al dottore che sono anni che dono, perchè prima potevo farlo ed ora non più?. Il dottore mi ha risposto che sono cambiate le regole . Preciso che , io e lei mie 2 figlie siamo risultati negativi all'epatite B e abbiamo fatto il vaccino 28 anni fa quando ancora era a pagamento. Ora io dico se c'è veramente bisogno di sangue perchè queste restrizioni ? oppure in questi casi di bisogno, come dicono , non si potrebbe chiudere un occhio sulle regole , se effettivamente ci sono?

  • Non ricordo il mio gruppo, comunque ho cercato di donare ma essendo affetto da rettocolite non me lo fanno donare,non potete capire la mia tristezza.

  • Ho A+ e donerei volentieri ma quello indicato è un orario scomodo X me. Altre opzioni?

    • Avatar anonimo di Toccuuuuuu
      Toccuuuuuu

      Se sei lavoratrice dipendente, hai diritto ad un giorno di riposo. Il centro trasfusionale stesso ti rilascerà il certificato da presentare al datore di lavoro. Altrimenti potresti rivolgerti alla Fratres o Avis per orari differenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita dal tetto del capannone che voleva comprare, muore sul colpo

  • Cronaca

    Trovato con sette chilogrammi di marijuana: dopo il sequestro le manette

  • Attualità

    Il presidente sul terminale del gasdotto: "Il governo imponga decreto per la Seveso"

  • Cronaca

    Tentò di accoltellare il fratello, ma ferì la cognata: condannato a dieci anni

I più letti della settimana

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

  • Precipita dal quarto piano del tribunale: grave un praticante avvocato salentino

Torna su
LeccePrima è in caricamento