“Resilienza a domicilio”: psicologi in casa per sostegno ai familiari dei malati di Sla

Il progetto, presentato nei giorni scorsi, prenderà il via da ottobre e prevede la creazione di una équipe di psicoterapeuti

Una persona affetta da Sla.

LECCE – Nel Salento è partito il progetto “Resilienza a domicilio”, il sostegno psicologico alle famiglie colpite da Sla. Cofinanziato dalla Regione Puglia avrà una durata di 12 mesi e prevede la creazione di una équipe di psicoterapeuti che saranno formati e inviati presso nuclei familiari colpiti dalla Sla a prestare supporto. Professionisti e famiglie saranno selezionati tramite appositi bandi.  

Tra le attività previste anche la realizzazione del Blog Resiliente, una piattaforma virtuale di informazione e narrazione, con l’obiettivo di generare empowerment sulla Sla. L’iniziativa, in fase sperimentale, punta alla realizzazione di un adeguato servizio di psicoterapia a domicilio dedicato alle persone colpite dalla malattia e al loro nucleo familiare.

Si parte a ottobre con i seminari di specializzazione rivolti a dieci psicoterapeuti, selezionati tramite bando (dal 18 settembre su www.ioposso.eu). Il progetto è stato partorito dell’associazione salentina 2HE – Center for Human Health and Environment realizzato nell’ambito del più ampio progetto solidale nazionale “Io posso” .

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento