Travaglio difficile, la danza sblocca il parto. Mattia nasce a ritmo di Samba

L’espediente adottato dalle ostetriche del reparto del Sacro Cuore di Gesù si è rivelato risolutivo per sbloccare la situazione che stava per diventare più complicata del previsto. I movimenti ritmati hanno facilitato la nascita

GALLIPOLI - Dopo il lieto evento del parto gemellare senza taglio chirurgico di qualche settimana fa, nell’unità operativa di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Gallipoli si nasce anche grazie alla danza terapeutica. E’ notorio che proprio i passi di danza durante il travaglio sono un espediente utile per facilitare il parto. E in molti Paesi, soprattutto del Sud America, è utilizzata come prassi consolidata. Non si tratta di danza per la gioia, ma di una pratica finalizzata a smuovere le eventuali difficoltà nel far venire al mondo il piccolo nascituro.

Nel caso in questione, proprio l’attività propedeutica della danza latino-americana, ma anche di altri generi, utilizzata dall’ostetrica e dal personale medico e sanitario del reparto del Sacro Cuore di Gesù, si è rivelata provvidenziale per sbloccare la situazione di un travaglio che stava per diventare più complicato del previsto. Ed è proprio il caso di dire che il piccolo Mattia venuto alla luce nella notte tra il 18 e il 19 novembre scorsi, è nato a ritmo di Samba, bachata o giù di lì. Per la felicità dei genitori e di mamma Alessandra, 27 anni, in particolare che ha potuto gioire dopo la fatica e i momenti di apprensione.    

A raccontare la vicenda è in particolare l’ostetrica del reparto di Ostetricia e ginecologica (diretto dal dottor Luigi Lubello), Debora Enrione, per conto anche di tutte le colleghe e del personale  dell’unità operativa del Sacro Cuore di Gesù. “Quello che sembrava essere una cosa semplice, un travaglio senza complicanze, un parto imminente, alla fine si è rivelato il contrario” racconta l’ostetrica, “un cucciolo piccolo piccolo, che diversamente dalle aspettative aveva arrestato la sua corsa alla vita: le contrazioni erano forti, ma lui niente. Non ne voleva sapere di venire fuori. La sua testolina, seppur piccola, si posizionava male e questo stava rendendo difficile la sua progressione alla nascita. Bisognava attuare qualcosa di significativo” prosegue Debora, “il piccolo stava bene, aveva solo bisogno di orientarsi all’uscita. E cosa c'è di meglio che ascoltare l'istinto materno? Assicuro non c’è niente di niente di meglio".

Video | Ecco come si nasce a ritmo di samba!

"Serviva il movimento. Quello giusto. Mentre osservavamo questa giovane mamma, che lasciata fare, iniziava a muovere il bacino, sembrava una danza ad ogni contrazione. Ma come ogni danza che si rispetti c’era bisogno della musica, e allora via ad un bel accompagnamento latino-americano. Tutta dinamica per la zona interessata, il bacino, le articolazioni, la rotazione naturale della testa del bimbo. E finalmente ecco il suo ben posizionarsi, quello che sembrava interminabile si risolveva di colpo nel giro di poco. Appena 45 minuti. A saperlo prima! E da qui il ben arrivato a Mattia”.

Un parto, come si suol dire, “differente” per le modalità, ma non nella cura e nella dedizione nei confronti delle giovani mamme in dolce attesa. L’ostetrica Debora Enrione ha voluto raccontare questa esperienza che, come altre, ha arricchito il suo bagaglio umano e professionale. E anche mamma Alessandra ha inteso divulgare la storia per condividerla con tutte le neo partorienti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ho lavorato in tanti posti diversi e da ogni luogo ho immagazzinato tutto dentro il mio bagaglio di esperienza. Ma a dirla tutta, qui c'è un qualcosa in più” conclude Debora, “qui c'è umanità, il gioire con le mamme, tanta umanizzazione per un evento che non può e non deve essere altro che umano, personale, intimo. Io e le mie colleghe, tutte, siamo per il difendere tutto questo. Entrando in sintonia con le nostre mammine, con chi in realtà ci permette di far parte di questo evento straordinario, unico, e immenso della loro vita. Per ripagare le nostre mamme, io e le mie stimatissime colleghe, e tutto lo staff, porteremo avanti per sempre, l'idea dell'accompagnamento naturale alla nascita e non una sterile, fredda, semplice assistenza. Perché qui il vostro parto è differente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento