Pollice sbaraglia Campiti: il nuovo rettore di Unisalento vince al ballottaggio

Il docente di Geografia politica ottiene 388,143 voti contro i 366,363 dello sfidante. "La nostra missione è costruire il futuro dell'umanità grazie alla cultura"

In foto: Fabio Pollice, nuovo rettore di UniSalento

LECCE – “Sono commosso e riconosco in questa vittoria la vostra vittoria, nel mio entusiasmo la vostra passione. Ora avrò bisogno di voi per portare a termine il mio mandato, nei prossimi sei anni, con l'obiettivo di fare del Salento e della sua Università non un territorio marginale, ma un faro culturale, un ponte tra il globale e il locale, aprendo le porte al Mediterraneo del mondo”.

Con euforia Fabio Pollice ha ringraziato l'intera comunità accademica e i tre colleghi che lo hanno sfidato nella corsa per lo scranno più alto di Unisalento.

Il 53enne, docente di Geografia politica, è il nuovo rettore: anche al ballottaggio, che si tenuto oggi in ateneo, è riuscito a primeggiare sul diretto concorrente, Michele Campiti.

Il professore ha staccato, anche se non di molto, il docente di Analisi matematica: il testa a testa ha rispecchiato, grosso modo, i risultati delle tre precedenti votazioni che si sono concluse con un nulla di fatto a causa del mancato raggiungimento del quorum, fissato a 455,309.

Il quadro si era già delineato, però, la scorsa settimana e il testa a testa del 15 luglio ha confermato le aspettative.

Gli iscritti nelle liste, divisi in tre categorie, hanno espresso la loro preferenza dalle 10 alle 17, nel complesso Ecotekne di Monteroni.

Nel dettaglio hanno votato 168 studenti, quindi l'80 percento degli aventi diritto; 451 unità del personale tecnico-amministrativo, pari a 82,60 percento e 516 docenti e ricercatori, pari a 85,01 percento.

Pollice è stato proclamato rettore per il sessennio 2019/2025, entrerà in carica a novembre, dopo il decreto di nomina del Miur.

Ha ottenuto 388,143 voti, confermandosi come il docente più suffragato dai colleghi che hanno espresso 291 preferenze; 61,716 sono i voti incassati dal Pta e 35,427 quelli degli studenti.

Il secondo classificato ha totalizzato 366,363 voti così distribuiti: 220 quelli dei docenti; 60 quelli del personale tecnico-amministrativo; 86,037 sono le preferenze degli universitari.

Il totale dei voti espressi è di 1135. L'affluenza al voto è stata piuttosto alta: segno, questo, di un concreto interesse per le sorti dell'Università.

Al termine di una lunga campagna elettorale che ha visto coinvolti anche i docenti Giuseppe Grassi e Luigi De Bellis, corretta ma inevitabilmente divisiva, l'auspicio è che le proposte e le sollecitazioni emerse nei dibattiti possano ricomporsi in un progetto unitario che sia un volano per lo sviluppo dell'ateneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

Torna su
LeccePrima è in caricamento