Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: Unisalento sigla accordo con Unicef Italia

La convenzione prevede l’organizzazione congiunta di eventi, seminari, giornate di sensibilizzazione sul tema. Presto anche uno stage presso la sede della onlus

Un momento dell'accordo siglato oggi.

LECCE – L’ateneo salentino e il comitato italiano Unicef sottoscrivono una convenzione per promuovere e tutelare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La firma in giornata, presso il Museo Castromediano di Lecce. A sottoscrivere l’accordo il rettore di Unisalento, Fabio Pollice e i presidenti del comitato italiano e regionale per Unicef onlus: Francesco Samengo e Giovanna Perrella. Presente anche l'assessora regionale, Loredana Capone. Oggetto dell’accordo, l’organizzazione congiunta di eventi, seminari, giornate di sensibilizzazione in relazione alle tematiche di tutela e promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la formazione di un gruppo di studenti dei corsi di laurea dell’Università del Salento su questi temi per poter  poi svolgere interventi nelle scuole. Sarà valutata anche la possibilità di attivazione, di uno stage  presso la sede Unicef Italia di Lecce per gli studenti salentini.

L’accordo nasce dalla condivisione di obiettivi comuni: presso l’Università del Salento è presente, sin dal 1992, il Centro di bioetica e diritti umani di cui un filone  principale è la tutela e la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sia a livello internazionale sia nazionale.  L’ateneo del tacco ha così aderito al network “Università per la pace”, creato dalla Conferenza dei rettori delle università italiane, con l’obiettivo di diffondere la cultura della pratica della pace, sia nella didattica che nella ricerca scientifica.  La convenzione, inoltre, consolida i rapporti di collaborazione già avviati tra Unicef Italia e Università del Salento. Il documento siglato oggi intende anche sviluppare progetti comuni per promuovere una cultura dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. L’ateneo salentino svolgerà studi e ricerche in questo ambito e individuerà percorsi di didattica da realizzare assieme a Unicef Italia, a cui fornirà supporto tecnico-scientifico per azioni di intervento sociale su queste tematiche.Convenzione Unicef2-2

“Partecipare ad un progetto con l’Unicef – ha sottolineato il rettore Pollice – vuol dire farsi protagonisti del proprio futuro e farsi protagonisti del futuro del mondo. È una logica coinvolgente perché ognuno di noi sogna di avere un ruolo nel proprio territorio e nel mondo. L’Unicef ha un dovere fondamentale e lo assolve entrando in relazione con noi: rende ogni bambino, ogni ragazzo del mondo un cittadino capace di prendersi cura del proprio territorio e della propria comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

Torna su
LeccePrima è in caricamento