Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

Due in manette e altrettanti deferiti, nelle ultime ore, tra Racale, Tuglie e Otranto. Sequestrati proiettili e botti

Il materiale sequestrato dai carabinieri.

RACALE – Armi e spaccio di droga nel Salento: due arresti e altrettante denunce. A Racale, nel primo pomeriggio di ieri, è stata infatti fermata Vanessa De Leone, una 23enne incensurata, accusata di detenzione abusiva di arma comune da sparo, ricettazione e detenzione di stupefacenti. I carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo del comando provinciale di Lecce, assieme ai carabinieri cinofili di Modugno, hanno eseguito una perquisizione in casa della ragazza, poi ammanettata subito dopo in flagranza di reato. La giovane donna abita in un appartamento che condivide con un 24enne di Casarano, V.V.P., poi deferito in stato di libertà con un'altra accusa.

Sul retro dell’appartamento della giovane, i militari hanno rinvenuto una busta sottovuoto in cellophane contenente 400 grammi di marijuana che la  donna ha cercato di lanciare nel guardino dei vicini, sperando di disfarsene. E non è tutto. Successivamente, infatti, i carabinieri hanno anche trovato, all’interno di una cassaforte a muro installata nella cabina armadio della camera da letto, una pistola semiautomatica marca Beretta e caibr.7,65, con serbatoio contenente sei munizioni dello stesso calibro, risultata oggetto di furto perpetrato nel  marzo del 2018 in provincia. Accanto, anche una scatola metallica con altri cinque proiettili.

ARRESTO RONINV 1-2Un controllo simile è stato poi esteso anche in un’altra abitazione, sempre a Racale: da un ripostiglio sono spuntati 24 botti artigianali, non classificati. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro e il 24enne denunciato per detenzione di prodotti esplodenti non classificati. La 23enne, intanto, ristretta ai domiciliari presso la sua stessa abitazione.

A TUGLIE

Anche nella vicina Tuglie un uomo è finito nei guai per detenzione e spaccio di droga. Si tratta di Fabio Toma, un 45enne del luogo. I carabinieri della Sezione radiomobile della compagnia di Gallipoli lo hanno fermato a Sannicola per un controllo, trovandolo a bordo della sua auto con 12 grammi di cocaina pura. Estesa la verifica anche in casa, i militari hanno poi rinvenuto anche un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A OTRANTO

Anche a Otranto, infine, il personale dell’Arma ha fermato un uomo: si tratta di D.R.C., un 42enne di Santa Cesarea Terme. Si trovava alla guida del suo veicolo quando, nonostante l’alt dei carabinieri, ha proseguito la marcia, dandosi alla fuga. Inseguito, è stato poi raggiunto e identificato. Era in possesso di residui di stupefacente, disperso per strada durante il tentativo di sfuggire alle forze dell’ordine. Denunciato, si trova attualmente sottoposto alla misura cautelare dei domiciliari, con permesso di svolgere la propria attività lavorativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento