Cieca violenza sulle donne: uno provoca un aborto, l’altro aggredisce barista

Un ragazzo fermato a Lecce per una aver pestato la giovane convivente. A Nardò in manette un cittadino a seguito di una lite in un bar

Foto di archivio.

LECCE – Cieca violenza contro due donne: entrambi gli autori sono stati arrestati nelle ultime ore dalla polizia. Gli agenti della squadra mobile leccese, guidati dal vicequestore Alessandro Albini, hanno infatti fermato un ragazzo rom, S.T., accusato di aver pestato la propria convivente. La vittima, a causa dei calci e dei pugni, ha perso il bimbo di cui era in attesa.

Risponderà ora di maltrattamenti, lesioni personali ed interruzione di gravidanza ai danni di una ragazza di 25 anni. La vicenda, chesi è verificata in città, non si riduce purtroppo a un solo episodio, bensì in un’escalation di soprusi e violenze, comprese quelle psicologiche, che nel tempo sarebbero state perpetrate sulla giovane donna.

La malcapitata, nel corso del rapporto conflittuale col convivente, sarebbe stata colpita in più occasioni dall'ira di colui che diceva di amarla. Fino a quando, in un episodio, l’uomo l’ha colpita con tanta violenza all’addome, da provocarle l’aborto. Raggiunto dal personale della questura il ragazzo, difeso dall'avvocato Bendetto Scippa, è stato accompagnato presso il carcere di Borgo San Nicola. Nella mattinata di lunedì comparirà davanti al gip del Tribunale di Lecce per l'interrogatorio.

A Nardò un’altra aggressione

Manetta anche a Nardò, dove un cittadino originario del Ciad è stato fermato dopo l’aggressione alla titolare di un bar. L’uomo, alla vista degli agenti del commissariato neretino, ha colpito anche loro. I poliziotti, coordinati dal vicequestore Pantaleo Nicolì, sono stati allertati da alcuni cittadini, i quali hanno assistito a una violenta lite in una caffetteria della cittadina. Il 29enne, noto alle forze dell’ordine per furto e detenzione di droga, si trovava in uno stato di evidente alterazione a causa dell’alcol.

Tanto che si è scagliato contro gli agenti, durante i soccorsi alla donna bloccata nel locale. Accusato di violenza privata ai danni della donna, vittima dell’aggressione, e dei reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, l’uomo è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari. Gli agenti della Divisione immigrazione della questura di Lecce segnaleranno l’arresto del cittadino ciadiano alla Commissione per la protezione internazionale per un riesame della propria posizione in Italia: l’arrestato attualmente risulta in possesso di permesso di soggiorno per protezione umanitaria. Intanto, giudicato nella tarda mattinata col rito direttissimo, l'uomo ha patteggiato la pena di un anno di reclusione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Sono l'avanguardia di uno stile di vita che presto sarà lo stile di vita di tutti noi.... Ma ÷€^$$/$%€!

  • questi sono i regali che ci ha lasciato la sinistra.

    • Meno male che ora c'è Salvini che oltre al fatto di non aver concluso niente con l'immigrazione se non fermare qualche ONG teniamo ancora tutti gli immigrati in Italia e per di più con il Decreto Sicurezza sta aumentando gli irregolari ed è sempre colpa della sinistra forse ora sarebbe meglio cambiare idea e finirla con E' colpa della sinistra lasciate passare un pò di tempo e vi accorgerete

      • Di cosa dovremmo accorgerci ? Che il vostro campione di Rignano ha permesso a mezza Africa di introdursi nel nostro Paese clandestinamente, senza che ce ne fossero i presupposti e accampando tutte le più svariate scuse per una accoglienza indiscriminata, causando migliaia di morti di persone illuse che tutto fosse possibile. Da mo' che ce ne siamo accorti !!!

      • Sciocchezze...i numeri parlano chiaro: c'é stato un crollo verticale degli stranieri che sono entrati in Italia clandestinamente, o come vi siete inventati voi sinistrorzi, "migrando". ..Le rondini migrano, non gli uomini; questi quando si spostano da una nazione ad un'altra osservano le regole civili e non quelle della vostra fott.ta ideologia!

  • Ma come siamo umani!!!

  • Maledetto

  • .....buttate le chiavi

  • mi raccomando, domani rimettiamoli in prova eh???

  • Ovviamente, pena sospesa e rimesso in libertà.

Notizie di oggi

  • settimana

    Minacce e proiettili a Parabita: lo Stato accanto ai commissari nelle elezioni

  • Cronaca

    "Violentò la figlia della convivente": condannato a 7 anni e 4 mesi

  • Attualità

    Reddito di cittadinanza, sono oltre 8 mila le domande accolte tra Lecce e provincia

  • Politica

    Esuberi e rischio licenziamenti in Sirti: i lavoratori si fermano per 4 ore

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Accerchiata la masseria dello spaccio. E in una grotta, droga a volontà e un'arma

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Attendono il direttore, arrivano i carabinieri: banda colta sul fatto

  • Cocaina, materiale esplosivo e arma in cassaforte: arresti e denunce

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento